Forestale: sequestro a Brescia di 10 tonnellate di pesce scaduto destinato a mense ed asili

forestaleIl proprietario dell’azienda è stato denunciato per frode alimentare. Brescia, 16 dicembre 2009 – Oltre dieci tonnellate di prodotti alimentari surgelati di pesce e molluschi con confezionamento ed etichettatura irregolare sono stati sequestrati ieri dal Corpo forestale dello Stato di Brescia presso una ditta di prodotti alimentari locale. I prodotti erano destinati a mense di ospedali, asili, enti pubblici nonché a gruppi di catering che operano in quasi tutto il territorio nazionale. Dagli accertamenti svolti dalla Forestale è risultato, in particolare, che nove tonnellate dei cibi sequestrati avevano un confezionamento non conforme con conseguente perdita della tracciabilità degli alimenti, una tonnellata e mezzo erano illecitamente etichettati con allungamento della data di scadenza e cento chili, provenienti dalla Cina, erano scaduti addirittura dal 2008.

A operare il sequestro, il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale del Comando Provinciale di Brescia del Corpo forestale dello Stato. La ditta in questione lavorava prodotti surgelati a base di pesce e carne importati dai paesi asiatici rietichettandoli con alterazione delle date di scadenza e delle quantità, in violazione a quanto previsto dalla vigente normativa anche inerente la tracciabilità dei prodotti alimentari.

Il titolare dell’azienda è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di frode alimentare. Inoltre è scattato l’allarme sanitario attraverso i Servizi veterinari competenti, proponendo alla ASL di sospendere l’autorizzazione sanitaria con effetto immediato e disponendo il ritiro dal mercato di tutti i lotti dei prodotti interessati con verifica delle condizioni di conservazione degli stessi e di tutta la merce in deposito nello stabilimento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.