Forestale, in 1.500 in piazza contro la soppressione del Corpo. «Vogliamo risposte entro 48h»

Forestale-Piazza-VidoniRoma, 19 dic – «Abbiamo manifestato in 1.500 stamani sotto il Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione per chiedere con forza la sospensione del decreto legislativo 177/2016 che dal prossimo primo gennaio prevede l’accorpamento e la militarizzazione forzata dei forestali. Siamo stati ricevuti da funzionari del dicastero guidato dalla ministra Madia che, vista l’assenza di quest’ultima, hanno solo potuto prendere nota delle argomentazioni trattate dal punto di vista “tecnico”, non essendo ovviamente in grado di darci le risposte che ci aspettiamo. Abbiamo detto loro di riferire alla Ministra che entro 48 ore vogliamo risposte».

Lo affermano, in una nota, i sindacati del Corpo forestale dello Stato Sapaf, Ugl-Cfs, Snf, Fns-Cisl, Fp Cgil e Dirfor.

«Nelle prossime ore, inoltre – prosegue la nota -, chiederemo la sospensione del provvedimento e un incontro urgente anche al Presidente del Consiglio, On. Paolo Gentiloni».

«48 ore di tempo per non morire – scrivono le organizzazioni sindacali -, parafrasando un noto film. Non accetteremo meline o false promesse, perché le ore e i giorni scorrono veloci e dal primo gennaio la soppressione del Corpo forestale dello Stato diventerà realtà. Se non avremo riscontro entro 2 giorni, presenteremo le migliaia di ricorsi in nostro possesso, che siamo certi creeranno più di un problema a questa riforma. La mobilitazione proseguirà a livello regionale su tutto il territorio nazionale, e neanche l’approssimarsi delle festività natalizie riuscirà a fermarci».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.