Castellammare del Golfo (TP): CC catturano il latitante mafioso Paolo Liga

paolo-ligaPalermo, 28 feb – Nel corso della mattinata di ieri, dopo quattro mesi di latitanza ed a seguito di serrate ricerche, i Carabinieri della Compagnia di Bagheria (PA), coadiuvati dalla Stazione di Castellammare del Golfo (TP), dalla Compagnia di Alcamo (TP) e dal R.O.S. di Palermo, hanno catturato a Castellammare del Golfo, il latitante Paolo LIGA, pluripregiudicato, ritenuto esponente della famiglia mafiosa di Bagheria e destinatario della misura della custodia cautelare in carcere nell’ambito dell’operazione RESET 2 della D.D.A. di Palermo, alla quale lo stesso si era sottratto rendendosi irreperibile il 2 novembre 2015.

Il LIGA, al quale viene contestata la consumazione di un’estorsione ai danni di un imprenditore edile, aggravata dalla modalità e dalla finalità di agevolare cosa nostra, viene ritenuto nelle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, un personaggio di estremo rilievo negli equilibri della consorteria bagherese in quanto soldato che, in virtù dei posseduti legami di parentela e frequentazioni, avrebbe per lungo periodo operato come fulcro del collegamento tra il mandamento di Bagheria ed elementi di spicco della mafia trapanese. Paolo Liga, inoltre:

  • appartiene a famiglia tradizionalmente contigua ad ambienti mafiosi, in quanto nipote diretto di Giuseppe SCADUTO – in carcere dal 2008 poiché ritenuto capo del mandamento di Bagheria – e fratello di Pietro LIGA, in carcere poiché soldato della medesima consorteria e destinatario, da ultimo, della custodia cautelare in carcere nell’ambito delle Operazioni Libeccio dell’agosto 2015 (per aver tentato, in carcere, di estorcere del denaro ad altro detenuto) e RESET 2, per numerose estorsioni perpetrate;
  • già accusato, in passato, di aver organizzato un traffico internazionale di droga tra Italia e Stati Uniti, ha precedenti penali per traffico di stupefacenti, per aver organizzato e diretto un traffico di droga attivo nelle province di Palermo e Trapani, ed evasione.

Nel corso dell’attività, che ha visto il blitz dei militari alle prime luci dell’alba, oltre alla cattura del latitante, ora in carcere al Pagliarelli di Palermo, è stato arrestato per il delitto di favoreggiamento personale il proprietario dell’abitazione Natale FARINA, pregiudicato, fratello del cognato del LIGA, per aver fornito a quest’ultimo supporto logistico favorendone la latitanza. Lo stesso, dopo le operazioni di foto-segnalamento presso la Compagnia di Alcamo, su disposizione del PM di turno presso la Procura trapanese è stato tradotto alla casa circondariale San Giuliano di Trapani, ove si trova detenuto in attesa dell’udienza di convalida, prevista per il 29 febbraio p.v..

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.