Carabinieri, tribunale condanna a 14 anni il comandante dei ROS

generale-GanzerMilano, 12 lug – Il generale Giampaolo Ganzer, attuale comandante del Ros, è stato condannato a 14 anni di carcere a Milano nell’ambito del processo su presunte irregolarità in operazioni antidroga condotte negli anni ’90 da un piccolo gruppo all’interno del reparto speciale dell’Arma. I giudici dell’ottava sezione penale del tribunale, hanno condannato il generale Ganzer (con la pena più alta tra i diciotto imputati) per due segmenti di operazioni condotte sotto copertura e ritenute dall’accusa irregolari. Per lui il pm Luisa Zanetti aveva chiesto 27 anni di carcere. Condannato anche l’ex colonnello del Ros Mauro Obinu, ora all’Aise (ex Sisde) a 7 anni e dieci mesi di reclusione e a 35 mila euro di multa, oltre all’interdizione perpetua ai pubblici uffici. Tra i diciotto imputati tre sono stati assolti, mentre gli altri sono stati condannati a pene che vanno dai 13 anni e mezzo e 59 mila euro di multa per l’ex sottufficiale Gilberto Lovato, in giù.

”Nessun commento. Questo è il mio commento”. Cosi’ si è espresso l’avvocato Tiburzio De Zuani, difensore del comandante del Ros, Giampaolo Ganzer lasciando l’aula dell’VIII sezione penale di Milano dopo la lettura della sentenza. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.