Carabinieri: operazione di contrasto all’ inquinamento dell’area portuale di Torre del Greco

carabinieri_motovedettaDenunciati 8 operatori del settore. Roma, 6 mag – Più che significativo è stato il bilancio dell’operazione di contrasto all’inquinamento ambientale svolta dai Carabinieri del Servizio Navale agli ordini del Comandante Luogotenente Vincenzo Amitrano e del Capitano Pierluigi Buonomo, Comandante della Compagnia Carabinieri di Torre del Greco.
L’operazione dei Carabinieri del mare ha avuto come obiettivo primario la promozione dei livelli di qualità della vita umana, attraverso la salvaguardia ed il miglioramento delle condizioni dell’ambiente e l’utilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali. In tale ottica sono stati sottoposti a controllo dodici Cantieri Navali, due officine meccaniche ed una ditta di Gestione rifiuti insistenti nei Comuni di  Torre del Greco, Ercolano e  Portici.
Nell’area costiera d’interesse del Golfo di Napoli sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria otto persone per i reati di inquinamento previsti  dal testo unico delle norme in materia ambientale,  in particolar modo per aver stoccato, gestito e smaltito rifiuti pericolosi anche liquidi, tra i quali oli esausti,  in maniera illecita e senza la prescritta autorizzazione. Tutti rifiuti pericolosi, potenzialmente inquinanti per l’ambiente marino.  Durante l’operazione è stata anche sottoposta a sequestro un’officina meccanica completamente abusiva.  Un autocarro per trasporto di rifiuti di una importante società di gestione rifiuti di Torre del Greco, famosa in tutta la Regione Campania, è stato sottoposto a sequestro. I Carabinieri hanno scoperto che il conducente dell’autocarro aveva smaltito illecitamente rifiuti pericolosi non in discarica autorizzata. Elevate 4 sanzioni depenalizzate per un importo di circa 30.000 euro.
Ora i responsabili denunciati per  inquinamento ambientale rischiano l’arresto da sei mesi a due anni ed un’ammenda da duemilaseicento euro a ventiseimila euro.
I Carabinieri del mare hanno anche accertato la regolarità della maggior parte dei cantieri navali del porto di Torre del Greco che sono risultati conformi alla legge. La complessa operazione, che ha scongiurato un potenziale inquinamento ambientale, è stata eseguita su disposizione del Comando Legione Carabinieri Campania di Napoli in osmosi operativa con i colleghi nel Nucleo operativo ecologico ed un’aliquota di Carabinieri Subacquei di Napoli con l’impiego della Motovedetta d’altura Carabinieri N517 di Torre del Greco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.