Carabinieri: dalla Lotus due “Evora S” per il trasporto di organi e sangue

lotus_evora_s_carabinieriLe vetture saranno concesse gratuitamente per due anni. Roma, 21 lug. – Sono due i modelli di Lotus “Evora S” messi a disposizione dei Carabinieri dalla casa automobilistica inglese, gratuitamente per due anni. Le due vetture, uguali a quelle già in dotazione a Scotland Yard, saranno utilizzate per i servizi di trasporto organi e sangue o, comunque, connessi con esigenze di soccorso in cui è richiesto l’impiego di un veicolo agile e veloce essendo equipaggiate con un moderno defibrillatore e speciali unità portatili di raffreddamento per il trasporto di organi e sangue. Nelle due coupè inglesi saranno presenti a bordo avanzati sistemi di segnalazione d’emergenza della “Cita Seconda s.r.l.”, l’innovativo apparato di bordo per il controllo del territorio “E.V.A.” (Enhanced vehicle automation) della “Intellitronika s.r.l.”, la radio bibanda (gamma 400 e tetra) di ultima generazione VS3000. Il motore sarà un 6 cilindri a V da 3,5 litri sovralimentato con distribuzione bialbero a 24 valvole che sviluppa 350 CV. Prestazioni eccellenti: da 0 a 100 km/ h in 4,8 secondi, velocità massima di 277 km/h.

Per pilotarle verranno effettuati dei corsi specializzati

lotus_evora_s_carabinieri_2“Le due auto, che Lotus mette oggi a disposizione dei Carabinieri, sono veicoli ad alto contenuto tecnologico, che coniugano le più recenti esperienze dell’Arma e della Casa inglese” ha sottolineato il colonnello dei Carabinieri Marco Minicucci. “Non tutti i carabinieri potranno mettersi alla loro guida, infatti abbiamo selezionato allo scopo alcuni militari – continua – i quali hanno partecipato a specifici corsi di addestramento offerti dalla Lotus presso la loro pista di Hethel, in Inghilterra, per apprendere come sfruttare appieno le speciali caratteristiche e il potenziale prestazionale di queste vetture”. “Siamo davvero orgogliosi di avere l’opportunità di collaborare con un’organizzazione prestigiosa e altamente professionale come l’Arma dei Carabinieri – ha detto Dany Bahar, amministratore delegato di Group Lotus – e per un costruttore britannico di dimensioni relativamente piccole come Lotus, questa cosa è motivo di particolare onore, visto che in Italia ci sono marche ricche di fascino che costruiscono grandi automobili granturismo. Le impressioni che abbiamo raccolto durante le prove effettuate dai Carabinieri sul nostro circuito di prova nel Norfolk – conclude – sono state molto positive. Della nostra coupè sono state apprezzate in modo particolare la reattività e il piacere della guida. Penso che gli equipaggi di Roma e di Milano che avranno a disposizione le “Evora S” saranno molto soddisfatti delle nostre vetture”. (Adnkronos)

{nicedonate:http://www.grnet.it/donpay.gif||}

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.