Carabiniere: una professione sociale di inestimabile valore umano

carabinieri_ospedaleRoma, 4 dic – Segnalatoci dall’Associazione Carabinieri in servizio “Pastrengo”, diamo notizia di un caso emblematico che testimonia l’opera silenziosa ma determinante che ogni giorno il personale dell’Arma adempie al servizio del cittadino. La storia di oggi ci racconta di un padre al quale i medici hanno danno una notizia devastante: la morte del proprio figlio. In quei momenti di estremo dolore il padre deve decidere se consentire l’espianto degli organi del figlio appena deceduto e sorprende tutti con una richiesta: vuole parlare con i carabinieri e non con il personale medico. Parte così la telefonata alla più vicina stazione dei carabinieri dove all’altro capo del filo c’è un militare che, sebbene resosi conto della “strana” richiesta dell’uomo, ne percepisce il dramma e corre con una pattuglia al centro di rianimazione. Una volta giunti a destinazione parlano con il padre distrutto dal dolore e lo convincono, suscitando anche l’ammirazione dei medici per le parole semplici ed efficaci usate, a donare gli organi del figlio che avrebbero salvato la vita a tre persone in attesa di trapianto.

Una storia commovente quella capitata agli uomini dell’Arma, che certo non dimenticheranno facilmente. I paricolari di tutta la vicenda sono stati resi noti dal Consiglio di Base di Rappresentanza del Comando Regione carabinieri Campania in una delibera che GrNet.it ha il piacere di pubblicare .

Delibera Cobar Campania

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.