Carabiniere ucciso ad un posto di blocco. Fermato presunto omicida

posto_bloccoCCRoma, 2 ott – La polizia ha fermato nei pressi di Modena l’uomo che a bordo di un Suv rubato ha investito e ucciso il maresciallo Andrea Angelucci. Si tratta di Rocco Varanzano, quarantenne, pregiudicato, che era stato gia’ identificato dai carabinieri di Perugia.
La Bmw sulla quale viaggiava il sospettato e’ stata intercettata ad un posto di blocco in largo Garibaldi a Modena. Il conducente lo ha forzato e gli agenti hanno esploso alcuni colpi d’arma da fuoco contro gli pneumatici dell’auto che poco dopo e’ stata bloccata in via Ancona
Rocco Varanzano, era uscito di prigione a marzo di quest’anno. L’uomo in Umbria avrebbe avuto degli interessi e dei legami: un fratello vive in provincia di Perugia ed avrebbe anche una convivente sempre in Umbria. L’identificazione di Varanzano sarebbe avvenuta attraverso dei vestiti e documenti che l’uomo aveva lasciato nella prima auto rubata e utilizzata per forzare il posto di blocco di ieri pomeriggio a Foligno dove rimasero feriti due carabinieri. L’auto utilizzata era una Ford Focus rubata a Cesena. Secondo alcune fonti degli investigatori, il fermato avrebbe forzato il primo posto di blocco per coprire il furto dell’auto. Per il Pm Manuela Comodi l’accusa è di omicidio volontario.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.