Brigadiere Giangrande, i medici: lieve miglioramento, siamo cautamente ottimisti

brigadiere-giuseppe-giangrandeRoma, 2 mag – Per il brigadiere Giuseppe Giangrande c’è un “lieve miglioramento e i medici sono cautamente ottimisti”. Lo ha detto ieri il dg del Policlinico Umberto I, Domenico Alessio. Continua la sedazione per il brigadiere e, aggiunge il bollettino, “ha iniziato la fisioterapia”.

”Le cose sono in miglioramento ma devono essere consolidati tali miglioramenti. Noi siamo per la speranza e un cauto ottimismo”, ha aggiunto il direttore generale del Policlinico Umberto I, Domenico Alessio, spiegando che la figlia di Giangrande è andata via ieri e tornerà nel pomeriggio. Accanto al brigadiere ci sono i fratelli e il cognato.

Resta comunque riservata la prognosi per il brigadiere Giuseppe Giangrande al quale, secondo il bollettino medico, è stata effettuata ieri mattina, ”la tracheotomia percutanea per facilitare la ripresa della respirazione spontanea”. Il direttore sanitario dell’Umberto I, Amalia Allocca e il professor Giovanni Rosa, parlando con i giornalisti hanno spiegato che la tracheotomia è ”temporanea”. Nel bollettino è spiegato che i ”parametri vitali sono stabili. L’esame obiettivo neurologico invariato, permangono le condizioni che rendono necessario il supporto ventilatorio meccanico.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.