Bandiera della Marina imperiale tedesca scambiata per neonazista: sanzionato il Carabiniere

Firenze, 14 mar – Questa mattina si è concluso – presso il 6° Battaglione Carabinieri Toscana di Firenze – il procedimento disciplinare a carico del carabiniere accusato di aver affisso nella propria stanza una bandiera della Kaiserliche Marine, risalente al periodo del Secondo Reich, scambiata dalla stampa per una manciata di ore per un vessillo neonazista ma poi pacificamente ricondotta alla sua reale natura di cimelio storico della marina imperiale tedesca.

Il militare è stato sottoposto a procedimento disciplinare di rigore con la seguente contestazione: «militare accasermato, affiggeva alla parete della camera in uso materiale privato, tra cui una bandiera di guerra della marina imperiale tedesca talvolta utilizzata in contesti di apologia di istituzioni non democratiche, che è stata ripresa dall’esterno da giornalista e successivamente pubblicata sul web e diffusa dalle maggiori testate giornalistiche nazionali. Il comportamento tenuto ha causato l’esposizione mediatica dell’Istituzione e del Reparto di appartenenza, con grave lesione dell’immagine dell’Arma in relazione alla sua estraneità alle competizioni politiche, in violazione degli artt. 712, 713, co. 2, 719, co. 1, 732, co. 1, e 751, co. 1 lett. a n. 3 e n. 17».

Nonostante nella memoria difensiva il militare avesse chiarito che “sconosceva l’utilizzo distorto (e storicamente errato) della bandiera in questione operato da alcuni gruppi estremisti ed antidemocratici tedeschi o europei, di cui il sottoscritto non condivide minimamente le ideologie o le idee politiche e tanto meno ne fa parte“, i superiori gli hanno inflitto 3 giorni di consegna semplice.

Gli avvocati Giorgio Carta e Giuseppe Piscitelli, difensori del militare, hanno preannunciato la presentazione di un ricorso gerarchico, «essendo inaccettabile – a loro dire – che il ragazzo venga sanzionato non per il reale significato della sua azione e del vessillo affisso nel proprio alloggio, ma per il significato ad esso erroneamente attribuito da un giornalista e, ancor peggio, da gruppi neonazisti stranieri a digiuno di Storia, oltre che di etica».

Sommario
Bandiera della Kaiserliche Marine scambiata per neonazista: sanzionato il Carabiniere
Article Name
Bandiera della Kaiserliche Marine scambiata per neonazista: sanzionato il Carabiniere
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo

3 Commenti

  1. Giovanni SANNA dice

    Ho lavorato nell’Arma dei CC per 25 anni Nelle pareti, negli armadi ed anche nei luoghi di uso comune abbiamo sempre affisso foto; immagini; stemmi ed altro come in tutte le caserme dell’Arma, dell’Esercito e degli altri corpi armati dello Stato. Ma di cosa stiamo parlando? Hanno punito il Carabiniere solamente per soddisfare le pretestuose richieste dei politici in particolare dei ministri della difesa ed interni che non hanno mai fatto il militare quindi non sanno come si vive in una caserma. Vergognatevi tutti. Ha fatto bene il carabiniere a presentare ricorso

  2. franco dice

    A proposito, che notizie si hanno del compagno giornalista fotografo, che ha scatenato tutto questo putiferio, l’ordine dei giornalista ha aperto qualche procedimento.. Ciò fa capire che i nostri politici, pur di accontentare i loro compagni, ti ardono vivo e magari per poi chiedere scusa, per essersi accorti di aver sbagliato. Poveri noi, mi dispiace che Casapound non sia rientrato nella percentuale.

  3. Carmine Forcella dice

    Mah, resto perplesso e siccome diverse volte ho fatto il difensore di Carabinieri davanti la commissione di disciplina spuntandola sempre, questa sanzione mi sembra sia stata comminata per tacitare… Insomma: vergognoso!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.