TAV: SIULP Piemonte, sostituire con l’Esercito le esauste forze dell’ordine

no-tav-val-di-susaTorino, 25 lug – Sostituire con l’esercito le ”esauste” forze dell’ordine impegnate a difesa del cantiere di Chiomonte. E’ la richiesta avanzata al ministro dell’Interno dal segretario generale del Siulp piemontese, Gianclaudio Vianzone che in una nota sollecita il Viminale “che ha rinnovato la propria volontà di mantenere il presidio manu militari, stante le attrezzature di cui sono dotati tali manifestanti violenti, la loro organizzazione militare e le bombe che utilizzano, a mettersi una mano sulla coscienza e sostituire le esauste forze dell’ordine, con l’esercito”.

Esprimendo solidarietà e sostegno ai colleghi feriti durante gli ultimi disordini verificatisi in Valsusa, il segretario regionale del Siulp, sottolinea che si tratta di “violenza pura da parte di soggetti che, pur sapendo di non incidere sulla questione Tav, scaricano contro lavoratori dello Stato tutta la bestialità che si può esprimere. Ciò non è accettabile”, conclude Vianzone rilevando che “la violenza d’aggressione non è cultura legata alla Resistenza da cui è nata la Costituzione italiana”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.