Stalking: con un’ascia insegue la ex fino alla caserma dei carabinieri

stalkingArrestato, ripreso dalle telecamere di sorveglianza mentre cerca di braccarla. Viareggio (Lucca), 11 mag – Ha inseguito la ex fino alla stazione dei carabinieri dove la donna aveva cercato rifugio e, dopo aver speronato l’auto di lei, ha tentato di impugnare un’ascia per braccarla prima di essere arrestato. Il tutto documentato dalle telecamere di sicurezza sistemate fuori dalla stazione dei carabinieri di Lido di Camaiore.<è>L’uomo, 53 anni, di origini pugliesi, è accusato di lesioni personali gravi, violenza privata, danneggiamento aggravato e porto abusivo di armi improprie. Tutto è iniziato quando una signora ha suonato concitatamente al campanello della caserma dei carabinieri di Lido di Camaiore, in cerca di riparo ed aiuto da un uomo che la stava inseguendo. I militari, compresa la situazione di pericolo per la donna, si sono precipitati fuori. Nel frattempo l’uomo era arrivato, speronando la macchina della signora, che si era data alla fuga per le vie vicine. Le immagini delle telecamere di sorveglianza documentano che l’uomo aveva sistemato la sua auto davanti a quella della donna per impedirle di scappare. Ma poichè la donna si era data alla fuga a piedi, ha prima tentato di recuperare un’accetta che gli era caduta nell’auto della donna poco prima, dopo averle infranto il vetro, ed aveva poi cominciato a rincorrerla per aggredirla, ma è stato bloccato dai Carabinieri prima che riuscisse ad usare nuovamente violenza nei confronti della ex convivente. L’inseguimento era cominciato una decina di minuti prima, quando l’uomo aveva tentato più volte di bloccare la ex, speronandone più volte l’auto per le strade di Lido di Camaiore, e infrangendone il vetro con l’ascia. La donna aveva avuto la prontezza di spirito di ripartire e di cercare aiuto dai carabinieri.<è>L’uomo è stato trovato anche in possesso di un coltello, che teneva nascosto in tasca e con il quale ha tentato di ferirsi. La signora, per lo spavento e per le lesioni riportate nello speronamento, è stata trasportata presso l’ospedale Unico Versilia di Lido di Camaiore, dove è stata giudicata guaribile in 25 giorni. Lui è stato invece portato nel reparto di psichiatria ed arrestato. La donna aveva già presentato diverse denunce per stalking nei confronti dell’uomo. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.