Stalking a mezzo autovelox. Marito clona la targa dell’auto dell’ex moglie e la fa multare

autoveloxRoma, 15 ott. – La moglie lo lascia e lui, per vendetta, “clona” la targa dell’auto della donna, la applica a un modello analogo e colleziona multe per eccesso di velocità, tutte puntualmente recapitate all’ex consorte. E’ un caso decisamente singolare di “stalking” a mezzo autovelox quello scoperto dai carabinieri di Fiorenzuola, nel piacentino, che hanno identificato in un 35enne operaio del posto il “cervello” del fantasioso escamotage. Tutto è cominciato quando alla stazione locale dell’Arma ha bussato una 33enne, con nella borsa una decina di multe, tutte “guadagnate” premendo troppo il piede sull’acceleratore della sua Opel Astra: in totale, un danno di almeno 1.500 euro più ritiro della patente e perdita secca di 10 punti-guida. “Io non vado mai così veloce”, ha spiegato la donna ai militari, affermando di poter provare di non essere passata – nei giorni e alle ore contestati – nei posti indicati sulle multe.

Gli accertamenti disposti dai carabinieri nel giro di pochi giorni hanno consentito di appurare che l’auto raffigurata nelle foto scattate dall’autovelox era simile per tipo e modello a quella in uso alla signora, ma presentava una lieve strozzatura del tubo di scappamento (particolare, questo, non rilevato sull’Opel) mentre la targa apposta sul mezzo, per piccole ma inequivocabili sfumature dei numeri, appariva falsificata. Le successive indagini hanno portato così a individuare il vero proprietario della macchina “protagonista” delle infrazioni. Macchina che il legittimo proprietario ha ammesso di aver prestato in più circostanze a un amico: l’ex marito della donna appunto. L’uomo, montata sulla vettura la finta targa della moglie, se ne andava “a caccia” di autovelox, per poi sfrecciarvi davanti a tutta velocità pregustando il momento in cui la sua ex si sarebbe vista consegnare le contravvenzioni. Del fatto è stata informata la procura della Repubblica di Piacenza: da verificare anche eventuali violazioni alla recente legge sullo stalking. (AGI)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.