Sicurezza: Dipartimento Ps, alte cariche dello Stato non decidono su scorte

scorte-politiciRoma, 23 set – I servizi di tutela e protezione e i relativi livelli di protezione nei confronti delle alte cariche dello Stato, in base a quanto previsto dal decreto ministeriale dell’11 settembre 2002, “sono disposti e svolti con modalità indipendenti dalla volontà del soggetto tutelato”.

Lo precisa il Dipartimento di Pubblica Sicurezza in riferimento ad alcuni articoli di stampa. Oggi infatti il quotidiano “Il Tempo” ha pubblicato un articolo dal titolo “Boldrini, la superscortata d’Italia”, in cui si afferma che la presidente della Camera ha una scorta composta da “due auto blindate Bmw serie 5 più una terza che si occupa dei sopralluoghi per un totale di 12 uomini al giorno, 24 nell’arco di 24 ore”. Inoltre, prosegue il quotidiano una “quarta auto civetta” sorveglia l’abitazione della terza carica dello Stato.

I servizi, sottolinea ancora il Dipartimento, “rispondono ai principi, normativamente fissati, volti a garantire una adeguata protezione della personalità ed idonee condizioni operative di sicurezza per gli operatori impegnati nelle attività di tutela”. “Il livello di protezione da attuare è disposto dall’Ufficio Centrale interforze per la sicurezza personale (Ucis) tenuto conto delle valutazioni espresse dai prefetti, quali autorità provinciali di pubblica sicurezza, alla luce di quanto evidenziato in apposite riunioni con le forze di polizia del territorio”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.