Liguria: precipita un M-346 di Alenia. Ferito il pilota

M-346All’inizio si credeva fosse un aereo militare. Roma, 12 mag – L’aereo M-346 precipitato ieri sera nel Savonese non è in carico all’Aeronautica militare, ma è un prototipo di Alenia Aermacchi, la società (del Gruppo Finmeccanica) che lo produce. Il pilota, che si è lanciato con il paracadute, è un collaudatore di Alenia.

L’M-346, si legge nella scheda del velivolo, è ”il velivolo da addestramento più avanzato oggi disponibile sul mercato”. Con i comandi di volo e l’avionica completamente digitali, l’M-346 rappresenta ”la migliore scelta per l’addestramento mirato agli aerei da difesa della nuova generazione”. Tra le sue caratteristiche quella di consentire ”notevoli risparmi perchè può effettuare una larga parte del programma addestrativo prima fatto su macchine più impegnative”. E’ stato finora ordinato dall’Aeronautica militare italiana, dalla forza aerea di Singapore e da quella israeliana.

Per quanto riguarda l’Italia, in particolare, la Direzione Generale degli Armamenti ha firmato a novembre 2009 il contratto per la fornitura all’Aeronautica militare dei primi sei velivoli M-346 e dei relativi sistemi di addestramento a terra, che verranno utilizzati per addestrare i piloti a volare sui caccia di nuova generazione. L’intesa si inserisce nell’ambito di un accordo più ampio per la fornitura complessivi di 15 M-346 e relativo supporto. L’addestratore Alenia Aermacchi M-346 ha ottenuto a giugno 2011 il certificato di omologazione dall’Autorità di Certificazione del Ministero della Difesa italiano: si tratta di un requisito fondamentale per poter operare il velivolo in ambiente militare. All’inizio di gennaio 2012, i primi due M-346 (denominati T- 346A) sono stati consegnati al Reparto Sperimentale di Volo presso la Base Aerea di Pratica di Mare dove vengono sottoposti a test operativi.

Il pilota, rintracciato e trasferito in elicottero al Cto di Torino, si è lanciato con il paracadute, ha sofferto traumi alle gambe. Lo staff medico del 118 di Cuneo Soccorso lo ha issato a bordo dell’elicottero assieme ai tecnici del Soccorso Alpino per il trasferimento al Traumatologico del capoluogo piemontese. I tecnici del Soccorso alpino sono stati incaricati di effettuare anche un sopralluogo fotografico per conto del Centro di coordinamento aeronautico dell’Aeronautica militare di Poggio Renatico. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.