Informatica: scoperti nuovi virus contro banche on-line e smartphone

smartphonesKaspersky Lab: “Gauss” sviluppato da uno Stato. Washington, 9 ago – Un nuovo virus informatico, battezzato “Gauss” e simile ai precedenti “Flame” e “Stuxnet”, è stato progettato per “spiare” le transazioni bancarie on-line: lo ha reso noto l’azienda russa per la sicurezza informatica Kaspersky Lab, secondo la quale il virus sarebbe stato creato da uno Stato, senza precisare tuttavia chi ne sia responsabile. Il virus permetterebbe di rubare le password di accesso, identificare i conti correnti e piratare le modalità di pagamento in linea: operativo dal settembre del 2011, è stato scoperto grazie allo studio di “Flame”, di cui condivide parte del codice sorgente e che ara stato progettato per carpire informazioni sui programmi nucleari iraniani. Fino ad ora “Gauss” sembra essere stato impiegato contro alcune banche libanesi, ma anche alcuni utenti di PayPal e di Citybank, per un totale di circa 2.500 pc infetti contro i 700 di “Flame”, che si ritiene essere frutto di una collaborazione fra gli esperti statunitensi e israeliani.

Sempre secondo gli esperti di Kaspersky Labs,  i possessori di Blackberry e cellulari Android devono stare attenti, perchè potrebbe essere in atto un attacco di hacker contro tali  dispositivi. Un analista dell’azienda, riferisce che sono state trovate 5 nuove versioni di un malware diretto proprio a questi smartphone. Il programma utilizzato per gli attacchi è Zitmo, versione per dispositivi mobili del noto Zeus per pc. Una volta installato, il programma dirotta una copia di tutti gli sms ricevuti verso un numero olandese, pronto a carpire eventuali dati sensibili: ”Zitmo è un malware vecchio di due anni – si legge sul blog – ma i campioni che abbiamo trovato sono totalmente nuovi, e probabilmente sono il segno di un attacco in corso. Il fatto di trovare delle versioni non implica automaticamente un attacco, ma a metterci in allarme è il fatto che in quella per Android abbiamo trovato la data di sviluppo, che risale a meno di un mese fa”. Dei cinque nuovi malware trovati quattro sono diretti agli utilizzatori di Blackberry in Spagna, Italia e Germania, mentre uno è diretto agli smartphone Android usati in Germania. Tutti entrano nei dispositivi sotto forma di app scaricata. Il consiglio degli esperti è quindi di aggiornare sempre i programmi e gli antivirus presenti sul telefonino, e di evitare di scaricare app “dubbie”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.