Foggia: poliziotto e Maresciallo AM sventano il rapimento un bambino

manfredoniaFoggia, 16 lug – Ieri pomeriggio sulla spiaggia di Siponto, sul litorale di Manfredonia, in provincia di Foggia, un uomo di nazionalità pakistana, il 33enne Muhammad Raqib, ha sequestrato un bambino di soli sette anni ma è stato dapprima notato e inseguito da un poliziotto che, libero dal servizio, si trovava ieri pomeriggio insieme alla sua famiglia presso uno degli stabilimenti balneari e poi bloccato all’ingresso della pineta dallo stesso agente, in collaborazione con un maresciallo dell’Aeronautica Militare preposto al Lido di quel Corpo. L’agente ha chiesto al 113 l’ausilio dei colleghi del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Manfredonia per procedere contro il pakistano, in Italia senza fissa dimora, che aveva sequestrato, trascinandolo per parecchi metri, un bimbo di Manfredonia che stava facendo il bagno nel lido. L’uomo, che indossava degli slip di colore bianco e portava con sè una grande busta di plastica bianca, era stato notato dai bagnanti mentre trascinava per un braccio il piccolo che stava giocando con i coetanei sul bagnasciuga. Una bimba, spaventata dalla situazione, ha richiamato l’attenzione della mamma del bambino. Questa, vista la manovra sospetta del pakistano, ha allertato con le sue grida di aiuto sia il bagnino che un amico di famiglia che sapeva essere un agente di Polizia.

Il poliziotto si è posto all’inseguimento riuscendo con la collaborazione del bagnino a fargli abbandonare la presa sul bambino, soccorso e riportato tra le braccia della madre. Intanto il pakistano, dopo una violenta colluttazione, nella quale il poliziotto ha riportato una frattura alla mano destra giudicata guaribile in trenta giorni, ha tentato di scappare ma è stato tallonato e successivamente bloccato dallo stesso agente, unitamente ad altro personale militare allertato dal bagnino del lido, presso il parcheggio dello stabilimento balneare dell’Aereonautica Militare. Vistosi braccato e impossibilitato a scappare oltre, il cittadino straniero ha rinunciato a qualsiasi ulteriore resistenza ed è stato arrestato per il reato di sequestro di persona, oltre che di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il bambino sequestrato è rimasto terrorizzato dalla vicenda vissuta, a tal punto che, visto il suo profondo stato di agitazione, è stato fatto refertare da personale del 118 giunto in Commissariato, dove gli è stato diagnosticato uno stato di agitazione e di ansia compatibile con l’evento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.