Decreto “Fare”: Codacons, ok sconto sulle multe, ma più controlli per la sicurezza

Polizia-Stradale1Introdurre il reato di omicidio stradale. Roma, 20 ago – ”Entra infatti in vigore oggi la norma del decreto Fare che prevede lo sconto del 30% se la contravvenzione viene pagata entro 5 giorni. Il Codacons dice ok allo sconto, ma chiede a Governo e Parlamento di adottare misure urgenti sul fronte della sicurezza stradale. In primo luogo occorrono più controlli sulle infrazioni che mettono a rischio l’incolumità delle persone, come la velocità, i sorpassi, le precedenze, i semafori. Il tutor, ad esempio, va immediatamente esteso a tutte le principali arterie, a cominciare dalle strade statali”.

E’ quanto scrive il Codacons. ”L’associazione di consumatori ricorda che l’80% delle sanzioni comminate in Italia sono date per la sosta vietata e le ztl, multe facili considerato che nelle principali città italiane ci sono la metà dei posti auto rispetto ai veicoli in circolazione e non sono rispettati nè gli standard urbanistici nè l’art. 7 comma 7 del Cds secondo il quale i proventi dei parcheggi dovrebbero essere destinati “alla installazione, costruzione e gestione di parcheggi in superficie, sopraelevati o sotterranei …”, continua il Codacons.

”E’ quanto mai necessario introdurre nel nostro ordinamento il reato di omicidio stradale – afferma il presidente Carlo Rienzi -. Troppe sono le vittime sulle strade italiane provocate da soggetti che si mettono alla guida senza esserne in condizioni, o assumono al volante comportamenti pericolosi. Per costoro le pene sono blande e in nessun caso si arriva alla detenzione in carcere. Serve dunque un segnale forte che funga da deterrente per chi si mette alla guida ubriaco o sotto effetto di droghe, e che punisca severamente chi commette omicidi a bordo della propria automobile. Per tale motivo – prosegue Rienzi – dopo lo sconto sulle multe, chiediamo a Governo e Parlamento di attivarsi per giungere in breve tempo al reato di omicidio stradale”. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.