In aumento gli attacchi informatici sulle piattaforme di gioco. Italia al top a livello di sicurezza

Milano, 11 dic – Nel corso del terzo trimestre del 2017, 98 paesi sono stati vittime di attacchi DDoS (Denial Of Service), 12 in più rispetto al periodo precedente. Gli attacchi hacker hanno riguardato principalmente, tra i servizi online, le piattaforme di gioco che utilizzano criptovalute in forte crescita.

La società di sicurezza informatica russa Kaspersky Lab ha dichiarato nel report “DDoS Intelligence” che in questo periodo si sono intensificate alcune tendenze già rilevate nei rapporti riferiti ai periodi precedenti, come la preferenza per attacchi DDoS complessi invece che di attacchi massicci e il ruolo sempre più prominente dei “botnets” Linux. Durante il periodo considerato è aumentato il numero di paesi colpiti e l’interesse degli hacker verso le società di gioco online e i nuovi servizi finanziari, come gli ICO.

L’elenco dei primi dieci paesi in termini di numero di obiettivi ha subito “grandi cambiamenti”: la Russia è salita dal settimo posto al quarto e Germania e Francia hanno scavalcato Australia e Italia. In testa alla classifica Cina, Stati Uniti e Corea del Sud. Tuttavia, in questo trimestre, nella lista dei primi dieci paesi più popolari che ospitano server di comando e controllo (C&C), sono rientrati l’Italia e il Regno Unito. Corea del Sud, Stati Uniti e Cina si attestano ai primi posti dei paesi più popolari che ospitano command and control servers.

La quota delle “botnet” Linux ha continuato a crescere fino a raggiungere il 70% degli attacchi nell’ultimo trimestre, rispetto al 51% del periodo precedente. Anche la percentuale di attacchi complessi come SYN e HTTP-DDoS ha continuato a crescere, si legge nel report. Inoltre, si è verificato un aumento significativo dei multicomponent attacks, in cui gli hacker informatici hanno utilizzato simultaneamente metodi differenti.

Secondo il rapporto, “l’enorme diversità delle vittime degli attacchi DDoS in questo trimestre si è rivelata molto interessante“. Piattaforme di giochi come Final Fantasy, Blizzard Entertainment, American Cardroom o la Lotteria del Regno Unito sono stati alcuni dei principali obiettivi.

Gli esperti della compagnia hanno osservato un aumento del numero di attacchi DDoS diretti contro piattaforme ICO (Initial Coin Offering), offerte iniziali di valute che utilizzano la tecnologia blockchain. Questo tipo di attacchi DDoS è finalizzato a “screditare questo tipo di servizi o, peggio ancora, vengono usati come mezzo per mascherare gli attacchi più comuni“.

Il CEO di Kaspersky DDoS Protection, Kirill Ilganaev, ha spiegato che le società finanziarie e per il tempo libero, “sono sempre state l’obiettivo preferito per gli attacchi DDoS“. Per questi tipi di società, ha aggiunto, il tempo di inattività causato da un attacco può determinare “non solo in significative perdite finanziarie, ma può anche mettere a repentaglio la loro reputazione“, che potrebbe significare un “esodo di clienti” verso la concorrenza.

Secondo Ilganaev, “non è sorprendente” che le società di gioco online, che fatturano miliardi, siano il principale obiettivo dei criminali informatici. Nell’ultimo anno, il numero di casinò online che accetta Bitcoin è cresciuto notevolmente, ma i sistemi di sicurezza presentano ancora delle falle. Tuttavia, è ancora più sorprendente che molte aziende continuano la loro attività senza prestare la dovuta attenzione provvedendo a proteggersi dagli attacchi DDoS.

Sommario
In aumento gli attacchi informatici sulle piattaforme di gioco. Italia al top a livello di sicurezza
Article Name
In aumento gli attacchi informatici sulle piattaforme di gioco. Italia al top a livello di sicurezza
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.