Sud: Fornero, i giovani guardano a tv e Forze armate, rimarranno delusi

elsa-forneroServono nuovi valori. Torino, 22 apr – ”O questo paese si salva tutto o non si salva”. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, a proposito del Sud, suggerendo la necessità di sviluppare nelle aree più penalizzate un percorso di nuovi valori per la formazione personale e per il lavoro. Intervenendo ieri a Torino alla prima conferenza regionale sulla scuola promossa dalla conferenza Episcopale Piemontese, Fornero ha ricordato di essere stata nei giorni scorsi a Reggio Calabria e di averne ricavato un forte choc, ”forse ingenuo”, e la convinzione della necessità di essere attenti alle grandi differenze regionali, ”con una nuova convergenza tra Nord e Sud che noi abbiamo perso negli ultimi 15 anni”. E a chi replica che si tratta di un nodo storico, mai risolto dall’unità d’Italia, risponde: ”Se va avanti da 150 anni è ora che finisca”.

Il ministro ha ricordato che nel Sud, dove il lavoro è più scarso e dove la sicurezza sia sui luoghi di lavoro che nelle scuole ”è stata più trascurata”, l’attenzione dei giovani è polarizzata sulla speranza di trovare un lavoro nel pubblico impiego e nel mondo della Tv. Fornero ha sottolineato che il 12% dei giovani aspira a un posto nelle Forze armate, proprio mentre il ministro della Difesa ha presentato un piano di forte riduzione del personale e che quindi si troveranno di fronte a una delusione. Oppure, ha detto, si spera nella tv, ”nel Grande Fratello, in queste cose che ti possano dare notorietà o ricchezza, e non è male pensare di volere ricchezza, ma i due mondi a cui i giovani guardano sono questi, e questo non va bene per il Paese. Quando parliamo di sviluppo dobbiamo fare tutti un esercizio di umiltà e di recupero non solo di pazienza, ma anche di valori”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.