Sicurezza, Sindacati e militari: golpe del Governo contro gli onesti servitori dello Stato

Strade-Sicure1Roma, 3 apr – “Atteso l’esito dell’incontro avvenuto nella serata di ieri, anche se solo in sede tecnica, tra i rappresentanti dei Ministeri dell’Economia e del Lavoro e le Amministrazioni del Comparto Sicurezza, Difesa e Soccorso Pubblico, nel corso del quale i tecnici Ministeriali hanno illustrato la sconcertante posizione del Governo in ordine all’emanando pdf regolamento di armonizzazione previdenziale , valutati i contenuti dello schema di regolamento elaborato dal Governo che nel confermare l’impostazione penalizzante e lo spregio nei confronti degli operatori dei Comparti Sicurezza, Difesa e Soccorso Pubblico, presenta ulteriori aspetti di aggravamento della posizione previdenziale dei lavoratori del Comparto, con previsioni che appaiono visibilmente ultra-delega, le sottoscritte Organizzazioni Sindacali e Rappresentanze Militari,  in rappresentanza di tutti gli operatori della Sicurezza, Difesa e Soccorso Pubblico, confermano il grave stato di agitazione in atto e preannunciano per domani una riunione generale per valutare le doverose strategie da adottare in contrasto a quello che definiscono un vero e proprio “golpe” del Governo contro gli onesti servitori dello Stato in uniforme”.

E’ quanto si legge in una nota congiunta diramata dai sindacati di Polizia (SIULP, SAP, UGL-Polizia di Stato, CONSAP), Polizia Penitenziaria (SAPPE, UIL Penitenziari, FNS-CISL, UGL Penitenziaria, CNPP), Corpo Forestale dello Stato (SAPAF, UGL-Forestale, FNS – CISL, Fe.Si.Fo., UIL CFS), Corpo dei Vigili del Fuoco (FNS – CISL, UIL VVF,     UGL – VVF), Cocer carabinieri, Cocer Esercito, Cocer Aeronautica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.