Finanziaria, Verdi a opposizione e FLI: taglio di 15 miliardi a spesa militare

finanziariaRoma, 11 nov – I Verdi scrivono ai gruppi parlamentari di opposizione e Fli per una iniziativa parlamentare congiunta sulla finanziaria finalizzata a “salvare l’Italia dal dissesto idrogeoligico e dal declino, con un piano strategico che garantisce 145 mila posti lavoro”. Un’iniziativa contenuta in tre emendamenti trasmessi ai gruppi finiani e di opposizione. ”Proponiamo subito – spiega in una nota il presidente dei Verdi Angelo Bonelli – tre cose concrete. Non è vero come dice Tremonti che i soldi non ci sono. Le risorse per cambiare da subito il paese e per creare nuovi posti di lavoro ci sono e sono facilmente reperibili. Chiediamo:

1) di tagliare di 15 miliardi la spesa militare rinunciando a caccia-bombardieri, elicotteri e sommergibili;

2) di portare la tassazione delle rendite finanziarie ai livelli degli altri paesi europei, ossia dal 12,5% al 20: da questa modifica si potrebbero recuperare 5 miliardi di euro;

3) di rinunciare al Ponte sullo Stretto di Messina, opera inutile che secondo la Corte dei Conti alla fine costerà 8 miliardi di euro”.

”Con queste risorse si può varare un grande piano strategico per la messa in sicurezza del territorio italiano che cade letteralmente a pezzi per prevenire disastri come quelli del Veneto, della Campania e della Calabria, creando 145 mila posti di lavoro – spiega il leader ecologista -. Si può investire sulla su scuola, ricerca ed università facilitando la modernizzazione e l’innovazione del Paese che i tagli del ministro Gelmini condannano al declino. Si può investire sulla green economy che il governo sta penalizzando portando l’Italia al livello dei paesi dell’Unione europea più evoluti”. ”Questo è un modo concreto per verificare se le nuove possibili maggioranze che si stanno determinando in Parlamento sono basate su cose concrete e necessarie per l’Italia o solo su eventuali giochi di Palazzo – conclude Bonelli -. Noi Verdi siamo pronti a dare il nostro contributo ed il nostro sostegno per far uscire il Paese dal medioevo a cui il berlusconismo lo sta condannando”.(ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.