Esteri: ministro Terzi interviene su Afghanistan, Siria e fucilieri San Marco

giulio-terziRoma, 20 giu. – Le truppe italiane andranno via dall’Afghanistan alla fine del 2014 mentre per quanto riguarda la presenza dei militari italiani in Libano i tempi per un eventuale ritiro sono incerti, anche alla luce del “quadro più fragile” dell’area e di quello che sta accadendo in Siria. Lo ha precisato il ministro degli Esteri, Giulio Terzi. Intervistato a Radio Anch’io, il ministro si è detto “orgoglioso” di quando fatto dall’Italia in Libano: «L’Italia è stato il Paese che ha ideato e trainato Unifil», la missione Onu nel Libano meridionale. «Da allora è “nostra”, abbiamo avuto il primo comando e ci è anche stato chiesto di riprenderne la responsabilità di comando con il generale Paolo Serra», ma – ha aggiunto Terzi – «il quadro adesso è ancora più fragile dopo quello che sta succedendo in Siria».

Il caso marò «crea un’ombra che va rimossa nei raporti tra due Paesi amici come Italia e India» e i due fucilieri italiani del battaglione San Marco devono «tornare a casa rapidamente» ha inoltre affermato il ministro. Il titolare della Farnesina ha nuovamente escluso un blitz per liberare i due militari italiani e ha ricordato che nella vicenda ci sono stati “progressi significativi” che hanno permesso di ottenerne la scarcerazione mentre è in corso il processo che è stato aggiornato al 10 luglio. Terzi ha spiegato che c’è un negoziato con l’India sul quale ha detto di avere “motivi di fiducia”. (AGI)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.