Difesa: Finocchiaro, La Russa spieghi le sue scelte in parlamento

finocchiaroRoma, 17 giu – “Nell’attuale situazione di dichiarata crisi finanziaria, la politica del competente ministero della Difesa, appare, come si evince anche da alcune interviste del ministro La Russa che ho avuto modo di leggere, sempre più improvvisata e reticente sulle motivazioni delle decisioni in ordine alla sicurezza del personale, all’efficienza dello strumento militare  nei diversi scenari d’impiego e agli stessi programmi d’investimento”. Lo afferma Anna Finocchiaro, presidente dei senatori del Pd. “Noi sappiamo – continua la Finocchiaro – che la crisi finanziaria internazionale ed esigenze di bilancio rendono necessario intervenire sulla spesa pubblica. Ma decidere come allocare le limitate risorse disponibili non può prescindere dalle scelte in materia di nuovo sistema di difesa”. ”La fisionomia di quest’ultimo -spiega- è parte integrante di una decisione che si colloca nell’ambito delle scelte di politica internazionale. E’ opportuno dare seguito alle indicazioni del Consiglio Supremo di Difesa del 10 marzo 2010, secondo cui l’attuazione di una comune politica estera e di difesa e sicurezza in ambito UE costituisce obbiettivo vitale per gli Stati membri e per la crescita dell’Europa, al duplice fine di concorrere alla costruzione di uno strumento politico-militare comune più efficace dal punto di vista operativo e più economico”. ”Peraltro ci sembrerebbe inaccettabile qualunque riduzione per tutto ciò che è necessario a garantire la sicurezza dei contingenti militari impiegati fuori area, in termini di mezzi, supporto logistico e addestramento”, sottolinea. ”Non è possibile accettare, per un settore come la Difesa, una logica ragionieristica come quella dei tagli lineari del 10% nelle assegnazioni previste per i ministeri”, dice. ”Per tutti questi motivi è necessario certamente riavviare immediatamente nelle competenti commissioni Difesa di Camera e Senato in sede congiunta, la discussione sul Nuovo Modello di Difesa, anche alla luce dei radicali mutamenti intervenuti nello scenario geopolitico, ma è ancora più indispensabile – conclude la Finocchiaro – che al più presto il ministro La Russa, davanti alle commissioni congiunte Difesa, Esteri e Attività produttive di Camera e Senato ci spieghi con chiarezza quali scelte intende compiere”. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.