Difesa, caso Fabri: Di Stanislao (IDV), un concorso senza (pari) opportunità

di-stanislaoRoma, 3 gen – “Si  è consumata l’ennesima ingiustizia nei confronti delle donne ad opera del Ministero della Difesa. Un episodio assurdo e senza senso che impedisce al il 1° Caporal Maggiore dell’Esercito Italiano Valentina Fabri di partecipare al concorso per volontari in servizio permanente dell’Esercito.” E’ quanto accusa l’On. Augusto Di Stanislao, capogruppo IDV in Commissione Difesa. “Con verbale degli accertamenti psico-fisici del 9 novembre 2010 della Direzione Generale per il Personale Militare presso il Ministero della Difesa la Fabri è  stata dichiarata non idonea al servizio militare in quanto in attuale  stato di gravidanza ed è stata pertanto esclusa dal concorso.

E’  sconcertante come nel 2011 lo stato di gravidanza per una donna risulti ancora essere motivo di discriminazione ed un ostacolo per la realizzazione professionale. Presenterò un’interrogazione parlamentare affinchè si faccia chiarezza e si verifichino le responsabilità e si dia la possibilità alla volontaria di esperire la prova come i suoi colleghi. Chiederò – conclude Di Stanislao – in Commissione Difesa che vengano messi a disposizione tutti gli atti oggetto della prova e non  da ultimo l’apertura di un’indagine interna. Sicuramente non lascerò  nulla di intentato. Ora lo sconcerto deve lasciare il passo al  rispetto delle regole e all’utilizzo pieno delle pari opportunità.”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.