Afghanistan: Nuovi soldati dall’Italia, forse parà

1(Repubblica) Gli Usa vorrebbero dagli alleati un contributo totale di 7.000 uomini. Roma, 25 nov. – La Nato, e quindi anche l’Italia, si preparano a rispondere all’appello alle armi di Barack Obama. Per problemi di politica interna, si legge oggi sul quotidiano La Repubblica, il ministro della Difesa Ignazio La Russa per ora non lo conferma esplicitamente: “E’ nella logica delle cose che da Barack Obama alla fine ci arrivi una richiesta di maggiori truppe: vedremo, ragioneremo e decideremo insieme tra alleati”, afferma il ministro. Gli Stati Uniti, secondo Repubblica, avrebbero già sondato informalmente gli alleati della Nato e ipotizzano settemila soldati da affiancare ai trentamila americani che rafforzeranno la missione Isaf. “Per il momento una richiesta di Barack Obama non c’è”, precisa però La Russa. “L’unica cosa che confermo è che i 400 rinforzi inviati per le elezioni rientrano in Italia. Poi vedremo…”. Ma è quasi certo, secondo il quotidiano, che buona parte di quei 400 soldati, o magari loro commilitoni di un’altra brigata, presto possano tornare in Afghanistan. Secondo alcune indiscrezioni, aggiunge Repubblica, oltre all’Italia saranno Gran Bretagna, Germania, Francia, Turchia e Romania ad offrire la maggior parte dei settemila rinforzi. In Germania, la cancelliera Angela Merkel potrebbe addirittura chiedere al Bundestag di portare il contingente da 4.500 a 7.000 soldati. (Apcom)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.