Afghanistan, Frattini ribadisce: 2011 anno di inizio della transizione

frattiniIl Ministro degli Esteri su Radio 1: “Orgogliosi di nostri soldati”. Roma, 20 ott  – Il ministro degli Esteri Franco Frattini ospite stamattina della trasmissione “Radio anch’io” (Radio1) ha ribadito che il 2011 sarà “l’anno di inizio della transizione” in Afghanistan e che poi “si valuterà provincia per provincia quali dovranno essere restituite al controllo afgano”. La presenza militare si trasformerà gradualmente in “presenza di assistenza e il 2014 rappresenta la fine della fase di transizione”. “Dopo quella data – ha continuato il capo della Farnesina che ha ospitato lunedì scorso il vertice degli inviati speciali per Afghanistan e Pakistan – avremo un rapporto ‘normale’ di collaborazione economica e sostegno alla formazione, non più una presenza militare”. Frattini ha espresso la grande stima per il lavoro delle forze armate in Afghanistan: “Dobbiamo essere orgogliosi dei nostri soldati, riconosciuti come quelli che più si adoperano per portare condizioni di vita migliori nei villaggi. Solo il presidio del territorio – ha spiegato il ministro – può permettere agli afgani di tornare nelle loro case”. (Apcom)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.