GrNet.it - informazione Sicurezza e Difesa

Lun22052017

Ultimo aggiornamento05:27:41

Forum bar

Forum

Logo-Carabinieri Carabinieri Polizia Finanza Penitenziaria
Esercito Marina Aeronautica Guardia Costiera
Back NEWS NOTIZIE Sicurezza Terrorismo: rapporto Commissione UE, falle nel sistema di monitoraggio dei sospetti

Terrorismo: rapporto Commissione UE, falle nel sistema di monitoraggio dei sospetti

  • PDF
carabiniere-aeroporto-mitragliettaMancata condivisione dei dati tra polizia ed intelligence dei paesi UE. Londra, 14 mar - Terroristi coinvolti negli attentati a Parigi, Bruxelles e Berlino si sono potuti muovere liberamente dentro e fuori l'Europa prima degli attacchi.

A puntare il dito sulle falle del sistema di monitoraggio dei movimenti di sospetti è un rapporto della Commissione Europea di cui è venuto in possesso il Guardian.

Rapporto che evidenzia soprattutto la mancata condivisione dei dati fra i diversi servizi di polizia e di intelligence dei paesi membri.

Il Codice delle Frontiere Schengen, nota il rapporto, "non permette una consultazione sistematica" dei database nazionali e internazionali. Manca anche la condivisione di informazioni su persone a rischio, tanto più che molti attentatori avevano precedenti per piccoli reati comuni.

C'è poi la questione del funzionamento del Schengen Information System (Sis): alcuni attentatori erano stati segnalati dall'allerta del Sis.

"Il numero di allerte è cresciuto significativamente negli ultimi due anni, ma rimangono differenze fra i modi in cui i diversi paesi usano il sistema", rimarca il rapporto, messo a punto dalla task force della commissione Ue sulla sicurezza.

Per questo, riferisce il rapporto, la commissione Ue sta valutando la fattibilità di un sistema di informazione comune per le polizie europee. L'obiettivo è far sì che i servizi di sicurezza di ogni paese possano chiedere ad un sistema centralizzato se una persona ha precedenti penali in un altro stato dell'Ue. Altra questione sollevata dal rapporto è l'eventualità di maggiori controlli di polizia "nelle regioni di confine fra paesi dell'Ue e sulle principali arterie di comunicazione" europee. Perchè non si tratta solo di movimenti di sospetti, ma anche di armi e ed esplosivi usati negli attentati.

Domani il Parlamento Europeo discuterà della sicurezza dei cittadini europei, in vista del primo anniversario degli attentati del 22 marzo a Bruxelles, che causarono 32 vittime. Sarà anche un'occasione per riflettere sul fatto che il cittadino belga Abdelhamid Abaaoud, considerato l'organizzatore degli attentati di Parigi del 2015, ha potuto viaggiare più volte fra Europa e Siria malgrado sul suo capo pendesse un mandato d'arresto europeo e internazionale.

Anche Anis Amri, l'autore dell'attentato di Berlino, ha potuto recarsi in Germania dopo che in Italia era sta respinta la sua richiesta di asilo. E, prima di essere ucciso in uno scontro a fuoco con la polizia in Italia, Amri era fuggito dalla Germania attraverso Olanda, Belgio e Francia.(AdnKronos)


News aggiornate

occhi
Occhi puntati sulla notizia

Top Web Site

soldato-computer
Sito web di riferimento per il comparto

Forum

professionisti
Professionisti a tua disposizione gratis

Smartphone

smartphone
Portale ottimizzato per gli smartphone
Per le pagine di menu: