Vigili del fuoco in sciopero: “non chiediamo privilegi ma lo stesso trattamento degli altri corpi”

vigili-del-fuocoRoma, 10 nov – Sono in partenza da tutta Italia i vigili del fuoco che si recheranno a Roma, per partecipare alla manifestazione nazionale con corteo indetta dal Sindacato Autonomo CONAPO, ove sono previste circa 2000 presenze. Contemporaneamente in tutte le sedi d’Italia ad eccezione ad eccezione del Veneto flagellato dall’emergenza maltempo, si svolgerà lo sciopero dalle 10 alle 14.

«Non andiamo per chiedere privilegi – afferma Antonio Brizzi il segretario generale CONAPO – scendiamo in piazza per pretendere lo stesso trattamento e la stessa dignità lavorativa degli altri corpi dello stato, oltre ad incrementare il numero delle assunzioni.»

«Ai vigili del fuoco infatti vengono corrisposte retribuzioni di circa 300 euro mensili inferiori ai pari qualifica delle altre forze di polizia e non vengono riconosciuti i servizi operativi ai fini della pensione, situazione non sanata nemmeno con l’ ultimo contratto di lavoro.»

Lamentano inoltre al CONAPO che le carriere dei pompieri sono bloccate da anni, oltre al fatto che da troppo tempo non percepiscono nemmeno gli arretrati degli straordinari effettuati sia per soccorso sia nelle varie calamità nazionali, tra cui l’ Aquila, Messina, Viareggio ecc

Un’altra richiesta del CONAPO è quella di potenziare i servizi resi dai vigili del fuoco e di istituire in tutte le province un apposito nucleo di investigazione antincendi e sicurezza per fornire risposte in termini di maggiore sicurezza alla cittadinanza, nei luoghi di lavoro, nei locali di pubblico spettacolo, nelle scuole, ecc , ove oggi questi controlli non vengono svolti.

«Resta poi da risolvere – continua Brizzi – il problema del dilagare del precariato nei vigili del fuoco che ha assunto proporzioni esagerate con spese ingenti che potrebbero invece servire per assunzioni in pianta stabile, ed il problema della riforma del volontariato dei vigili del fuoco, con la separazione dei volontari dai precari e l’assunzione da parte delle regioni dei costi del volontariato, nell’ ottica del federalismo fiscale».

Hanno aderito alla protesta anche i sindacati dei dirigenti e direttivi dei Vigili del fuoco DIRSTAT VVF – SINDIR-UGL VVF e USSPI VVF. Solidarietà al CONAPO ed ai vigili del fuoco è stata espressa anche dai segretari generali dei sindacati SAP e COISP della Polizia di Stato, SAPPE della Polizia Penitenziarie e SAPAF del Corpo Forestale dello Stato, che saranno presenti con proprie delegazioni e parteciperanno al corteo.

Per quanto riguarda lo sciopero dal CONAPO fanno sapere che i vigili del fuoco garantiranno l’erogazione del servizio di soccorso pubblico, mentre subiranno ilo stop i servizi non urgenti, anche di vigilanza, comprese le vigilanze agli aerei durante la fase di rifornimento di carburante.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.