Uranio: associazione vittime, ancora un morto e nuovi casi malattia

Roma, 15 nov – Un altro militare morto e nuovi casi di malattia per possibile contaminazione da uranio impoverito. Li denuncia l’Associazione Vittime Uranio attraverso il suo blog www.vittimeuranio.com.

“Il caso di morte, a causa di una patologia tumorale, – scrive il blog – riguarda un militare che ha prestato per molti anni servizio presso il poligono di Capo Teulada in Sardegna, la scomparsa nella scorso mese di Luglio, ma l’associazione è venuta a conoscenza dei fatti solo in questi giorni”. Sempre dalla Sardegna il sito segnala “il caso di un ex militare di 39 anni, in passato impiegato a Capo Teulada e nell’altro poligono di Perdasdefogu, il quale ha subito l’asportazione di un testicolo a causa di un cancro”.

“Altri casi sospetti – continua Vittimeuranio.com – riguardano un militare di Bari di 28 anni al quale è stato diagnosticato un tumore al cervello, nei mesi scorsi gli è stata asportata l’80% della massa cerebrale. Il ragazzo ha partecipato ad alcune missioni internazionali tra le quali quella in Kossovo tra il 2001 e il 2002. Ad un altro reduce dai Balcani è stata invece diagnosticata una leucemia”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.