Terremoto: Calderoli, invece dei detenuti usiamo i soldati per la ricostruzione

calderoliRoma, 4 giu – “Al posto che aprire le porte delle galere, come suggerisce il ministro Severino, con i rischio di far uscire anche persone pericolose, facciamo invece tornare dalle varie missioni all’estero le migliaia di nostri soldati dislocati in giro per il mondo, e con essi i mezzi annessi al loro seguito incluso il genio militare, e impegniamoli nella ricostruzione delle zone dell’Emilia colpite da questo terribile sisma”.

E’ quanto suggerisce il coordinatore delle segreterie nazionali della Lega Nord e componente del Comitato esecutivo federale dei triumviri, Roberto Calderoli. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.