‘Ndrangheta: operazione “All inside 2”, arrestati due carabinieri e un agente penitenziario

carabiniere3Reggio Calabria, 23 nov – Due carabinieri e un agente della Polizia penitenziaria sono stati arrestati nel corso dell’operazione “All Inside 2”, eseguita questa mattina dal Comando provinciale dell’Arma di Reggio Calabria e dal Ros a Rosarno. Carmelo Luciano (45 anni) e Giuseppe Gaglioti (32) avrebbero favorito i contatti con la cosca Pesce, in particolare con Francesco Pesce (57 anni chiamato “Testuni”, cioè il capo), riferendo iniziative giudiziarie contro la cosca. Devono rispondere di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione aggravata poichè hanno ricevuto regali in cambio di informazioni e favori.

Quest’ultima accusa è contestata anche a un terzo carabiniere, L. A., indagato ma nei confronti del quale il gip non ha ritenuto di dover emettere la misura cautelare. I carabinieri infedeli, ha spiegato il comandante provinciale di Reggio Calabria Pasuale Angelosanto, erano già stati trasferiti in altre sedi (Liguria e Veneto) in seguito a un’indagine interna dell’Arma che aveva già provveduto ad allontanarli da Rosarno in attesa del compimento dell’iter giudiziario. L’appartenente alla Polizia penitenziaria arrestato è Eligio Auddino, in servizio al carcere di Palmi, che deve rispondere di concorso in corruzione aggravata per aver favorito lo scambio di messaggi e comunicazioni tra Salvatore Pesce, detenuto, e i suoi familiari, oppure prestandosi a introdurre nella casa circondariale beni non consentiti. In cambio avrebbe ricevuto la promessa della cosca per l’assunzione a tempo indeterminato della moglie in una casa di cura privata a Cinquefrondi. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.