Manovra, Montecitorio “assordato” dai sindacati di polizia

fotosiulp-montecitorio350Roma, 21 lug (Piazza di Montecitorio) – Il Sindacato di Polizia Siulp con le innumeroveli rappresentanze sindacali di tutte le Forze dell’ordine è impegnato in un rumoroso sit-in davanti a Montecitorio. L’evento ha una portata storica sotto il profilo del significato. Organismi dello Stato che protestano contro l’esecutivo di Governo. L’assurdo. Il rumore è assordante, tra fischi, vuvuzelas e cori di protesta si ode un solo grido: “Vergogna”. Presenti molte compagini politiche quali il PD, IDV e UDC con Paladino e Casini in prima linea, ma anche Enrico Letta, Savino Pezzotta, Fiano, Cesa e Vendola, che hanno voluto essere presenti tra i tanti politici che dissentono da questa indecenza rilasciando interviste alle tante testate giornalistiche e televisive accorse sul posto. “Anziché tagliare le decine di miglia di auto blu e grigie come hanno fatto altri Stati dell’Unione Europea, al costo di 21 miliardi di euro, (da non considerare il calcolo del Ministro Brunetta che riguarda solo una parte di esse) equivalente all’intero costo dell’iniqua manovra finanziaria, pagate da ogni cittadino italiano in quote di 400 euro l’anno sulla tassazione “ordinaria”, la manovra diversamente, taglia i fondi per garantire il diritto alla sicurezza e alla legalità. Non vogliamo nessun bavaglio da nessuno, la gente deve sapere che è in pericolo la loro sicurezza privata e quella dello stato” questo il messaggio allarmante del Siulp. ico_commenti Commenta

fotosiulp-montecitorio450

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.