Manovra, La Russa: “non taglieremo gli stipendi”

larussa-napolitano“Piuttosto si costruiranno un carro armato in meno o un aereo in meno”. Napoli, 10 giu – Nell’affascinante cornice del golfo di Napoli oggi è stata celebrata la festa della Marina con la suggestiva rivista navale, nel corso della quale gli equipaggi delle Unità hanno rivolto al Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, il tradizionale “saluto alla voce”. Dopo gli interventi del generale Camporini (Capo di stato maggiore della Difesa) e dell’ammiraglio  Branciforte (Capo di stato maggiore della Marina), il ministro della Difesa, tra le altre cose, ha annunciato che “i militari non si sottrarranno dai sacrifici che tutta la nazione in questo momento storico sta affrontando”. Lo riferisce a GrNet.it il Maresciallo Antonello Ciavarelli, delegato del Cocer Marina. Il ministro La Russa ha inoltre reso noti i contenuti di un recente colloquio con il ministro Tremonti  nel corso del quale ha illustrato al responsabile del dicastero dell’Economia che il reperimento delle risorse da tagliare deriveranno da “una razionalizzazione del funzionamento alla quale tutti parteciperanno con responsabilità”. “A margine della cerimonia – spiega Ciavarelli – , la delegazione del Cocer Marina ha avuto modo di incontrare, in maniera informale, il ministro della Difesa al quale ha rappresentato il disagio vissuto dai militari colpiti dalle norme contenute nella manovra finanziaria”. “La Russa ha però puntualizzato che ‘non ci saranno tagli sugli stipendi, piuttosto si costruiranno un carro armato in meno o un aereo in meno, ma gli stipendi dei militari non verranno toccati’”. “I delegati Cocer della Marina – conclude Ciavarelli – hanno condiviso l’auspicio del ministro confermandogli ferma fiducia e convinto spirito di collaborazione”. ico_commenti Commenta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.