Mafia: De Magistris, impressionante penetrazione nello Stato

de_magistris5ROMA, 23 OTT – C’e’ un collegamento tra la strage di via D’Amelio e le intuizioni di Borsellino sul ”filone mafioso siculo-milanese dei Mangano e dei Dell’Utri – e quindi di Berlusconi – ed era venuto a conoscenza della trattativa che pezzi delle Istituzioni avevano iniziato con Cosa Nostra dopo la strage di Capaci”. E’ quanto scrive sul prossimo numero di Antimafiaduemila, in edicola a novembre, Luigi de Magistris in un lungo articolo. L’ex pm sostiene inoltre che si sta oggi consolidando il progetto di ”istituzionalizzazione” di Cosa Nostra, nato nel periodo della nascita di Forza Italia. ”Per comprendere il livello impressionante di penetrazione delle mafie nello Stato e nel sistema economico-finanziario del Paese si deve capire che e’ accaduto in Sicilia ed in Italia tra la fine del 1991 ed il 1993”. Per De Magistris la strage di Capaci e’, ad esempio, legata alla decisione della Cassazione di confermare le condanne del maxiprocesso. Capaci, scrive l’ex pm, ”doveva avere effetti politici, in direzione soprattutto di coloro i quali venivano additati come i principali responsabili politici del mancato affossamento del maxiprocesso”. Via D’Amelio, invece, ”e’ un omicidio politico” che risponde all’intento mafioso di ”condizionare la politica con le bombe”, ma e’ anche dovuto al fatto che Borsellino ”aveva intuito il filone mafioso siculo-milanese dei Mangano e dei Dell’Utri – e quindi di Berlusconi – ed era venuto a conoscenza della trattativa che pezzi delle Istituzioni avevano iniziato con Cosa Nostra dopo la strage di Capaci”. Ricostruzione che ”trova in questi giorni conferme, grazie soprattutto alle indagini che stanno conducendo le Procure di Palermo e di Caltanissetta”. Sulla trattativa, de Magistris sostiene che Borsellino ”probabilmente ne era venuto a conoscenza ed e’ per questo anche che fu decisa la sua eliminazione”. L’ex pm si chiede anche quanto sapessero della trattativa la presidenza del Consiglio e i ministri dell’Interno e della Giustizia. Dopo le stragi in Sicilia e sul continente, comunque, nasce quello che de Magistris definisce ”il progetto istituzionale di Cosa Nostra”, che oggi ”e’ in fase di definitivo consolidamento da parte di colui il quale vuole diventare il capo di tutti ed anche il capo dei capi”. E’ in questo periodo che viene fondata Fi e fa riflettere ”la coincidenza tra la nascita del partito e la cessazione della strategia della tensione militare della mafia”. La mafia, sostiene, ”assume il volto delle Istituzioni e dello Stato”. Percio’ il fine politico governativo e’ ”far credere che la criminalita’ organizzata viene contrastata” mentre ”lo stesso potere opera, nel silenzio della propaganda di regime, per consolidare la mafia di Stato”. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.