Libia: La Russa, da oggi otto aerei pronti a colpire target selezionati

eurofighterFrattini, non potevamo tirarci indietro. Roma, 27 apr- Da oggi otto caccia italiani, sui 12 messi complessivamente a disposizione della Nato, potranno effettuare i bombardamenti mirati sulla Libia. Lo ha annunciato in Parlamento il ministro della Difesa, Ignazio La Russa. ”Non potevamo tirarci indietro e guardare dall’altra parte”, ha sottolineato il responsabile della Farnesina, Franco Frattini. Nel suo intervento davanti alle Commissioni Difesa ed Esteri di Camera e Senato, La Russa ha spiegato che quello annunciato lunedì dal presidente del Consiglio Berlusconi ”non è un cambio di strategia, ma un aggiustamento del nostro contributo agli sforzi della comunità internazionale. Un riposizionamento all’interno della stessa strategia”, ”in adesione al dettato della Risoluzione 1973 dell’Onu”, dovuto ”alla urgente necessita’, nuova – ha poi sintetizzato La Russa nel question time – di aiutare inglesi, francesi e altri nel colpire al suolo coloro che mettono a repentaglio la vita di civili”. Sì, perche’ le forze governative libiche stanno ora conducendo un conflitto ”asimmetrico”, che significa ”guerriglia urbana, cecchinaggio, scudi umani, impiego di mezzi civili e leggeri, come pick up con mitragliatrici e cannoncini”.
Da qui la necessità di ”mantenere una forte pressione su Gheddafi anche attraverso una credibile ed efficace azione militare” e che anche l’Italia ”conformi il suo impegno a quello degli alleati, primi tra tutti Francia e Regno Unito”. La decisione del Governo, sollecitata insistentemente da più parti ma assunta”in piena autonomia di giudizio”, è stata dunque quella di non incrementare il numero di velivoli già oggi a disposizione della Nato (12), ma di ”ampliarne le opzioni di impiego” autorizzando ”azioni mirate contro specifici e selezionati obiettivi militari, sul territorio libico, ovvero contro obiettivi che rappresentino una chiara e immediata minaccia o pericolo per i civili”.

In sostanza, 4 caccia Tornado (finora del tipo ECR che “accecava” i radar della contraerea nemica) potranno essere impiegati in configurazione IDS (interdiction and strike) con armamento di precisione, a guida laser o satellitare, così come 4 AV-8B plus della Marina, imbarcati su nave Garibaldi (e utilizzati con compiti di difesa aerea e ricognizione), potranno anch’essi essere equipaggiati con missili di precisione da impiegare contro ”obiettivi militari selezionati”. Gli altri quattro velivoli – attualmente tutti Eurofighter – continueranno invece ad assolvere ”funzioni di superiorità aerea” e quindi essenzialmente di protezione degli altri velivoli.

La Russa – che ha confermato ”a giorni” l’invio in Libia di 10 istruttori militari da inserire nella struttura di comando del Cnt – ha assicurato che ”l’ingaggio degli obiettivi da parte dei caccia avverrà con sistemi d’arma di alta precisione, al fine di evitare danni collaterali” e che per questo ”parlare di bombardamenti e fuorviante”. Ma quando scatteranno le ‘azioni mirate’? ”I nostri velivoli e gli equipaggi sono pronti e al termine di questa informativa – ha detto La Russa in Parlamento – verranno resi disponibili alla Nato per essere impiegati non appena saranno assegnati gli obiettivi”.

”Non potevamo tirarci indietro e voltare lo sguardo dall’altra parte”, ha sostenuto anche il ministro Frattini, che davanti alle Commissioni ha parlato di una ”vera e propria escalation di violenze” da parte delle milizie di Gheddafi. Di fronte ad ”un’emergenza umanitaria di proporzioni gravi, o colpiamo con singole azioni aeree mirate i carri armati del regime o lasciamo consapevolmente uccidere civili a centinaia o forse a migliaia. Ecco perchè non possiamo tirarci indietro”, ha sottolineato con forza il capo della diplomazia italiana. Il titolare della Farnesina ha riferito di 10mila morti, vittime della ferocia del rais, ”un uomo solo che medita vendetta contro il suo stesso popolo”. Ma la comunità internazionale sta agendo, e grazie alle operazioni aeree della Nato l’arsenale militare del colonnello è stato ”ridotto di oltre un terzo”, mentre la sua aeronautica è stata praticamente ”smantellata”. Frattini ha poi ribadito l’appello affinchè siano le Nazioni Unite a gestire ”il coordinamento delle iniziative di mediazione” con gli emissari di Gheddafi. Domani ribadirà questo auspicio ad Abdelilah al Khatib, l’inviato di Ban Ki Moon in Libia che sarà ricevuto alla Farnesina.

Tornado IDS e AV-8B, gli aerei dei raid. Mobilitati anche gli Eurofighter e Tornado ECR

I caccia Tornado IDS dell’Aeronautica e gli AV-8B Plus della Marina sono i due tipi di aerei destinati a compiere i bombardamenti mirati sulla Libia. Del “pacchetto” di aerei messi a disposizione della Nato continuano a far parte, con altri compiti, anche i Tornado ECR e gli Eurofighter. Queste le caratteristiche dei velivoli:

tornadoIDS

Tornado IDS (interdiction and strike)

 

TORNADO IDS e ECR – E’ un velivolo da combattimento bireattore, biposto, con ala a geometria variabile e capacità ”ognitempo” che l’Aeronautica militare ha acquisito a partire dal 1982. Nella versione standard IDS, in dotazione al 6° Stormo di Ghedi e al 36° di Gioia del Colle, può essere impiegato come cacciabombardiere e ricognitore. Il 50° Stormo di Piacenza, invece, è equipaggiato con la variante ECR, specializzata nella soppressione delle difese aeree con l’impiego di missili aria-superficie Harm. Velocità massima: a bassa quota circa 1480 km/h (1,2 mach); autonomia: 3.800 km; armamento della versione IDS per le operazioni in Libia: 2 cannoni cal. 27 mm, bombe GBU-32 JDAM (Joint direct Attack munition) a guida Gps; bombe GBU-16 Paveway a guida laser; missili di precisione Storm Shadow, a lungo raggio, a testata convenzionale.

AV8BPlus

AV-8B “PLUS”

 

AV-8B “PLUS” – Chiamato anche Harrier II, è un caccia ognitempo monoposto subsonico a decollo verticale in uso alla Marina militare principalmente come intercettore per la difesa aerea, con un ruolo secondario di attacco. Il velivolo è imbarcato sulla portaerei Garibaldi. Velocità massima: 1.085 km/h; armamento: 1 cannone da 25 mm. a 5 canne rotanti; missili a medio raggio a guida radar AMRAAM, missili AIM-9L a guida IR, bombe Mk-83, Mk-82, Mk-81 e Mk-20, missili anticarro AGM-65 Maverick, razzi da 70 mm e bombe a guida laser.

eurofighter-typhoon-fully-loaded

EUROFIGHTER 2000

 

EUROFIGHTER 2000 TYPHOON – E’ considerato il più avanzato aereo da combattimento sviluppato in Europa. Realizzato per le Forze aeree di Italia, Germania, Gran Bretagna e Spagna, è stato adottato da diverse altre aeronautiche militari. In Italia svolge compiti di difesa aerea dello spazio aereo nazionale, intercettando velivoli sospetti. Velocità massima: 2 mach; autonomia massima: 3.600 km; armamento: 1 cannone Mauser cal. 27 mm, missili aria-aria a guida radar e infrarossa. (ANSA)

{nicedonate:http://www.grnet.it/donpay.gif||}

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.