Gran Bretagna: tagli alla Difesa, la scure sulle forze armate di sua Maestà

british-soldier

Migliaia i posti di lavoro persi, rinuncia a mezzi e armamenti. Londra, 19 ott – Il primo ministro britannico David Cameron ha confermato oggi il taglio dell’8% al budget per la Difesa per i prossimi quattro anni, una stretta prevista nell’ambito di un più ampio piano di austerity studiato dal governo per far fronte alla crisi economica in corso, non interesserà. Queste le principali conseguenze:

  • ESERCITO – Le truppe di terra britanniche subiranno una riduzione di 7.000 unità, passando a 95.500 effettivi entro il 2015. – Carri armati e artiglieria pesante saranno ridotti del 40%.


  • AVIAZIONE MILITARE – Il programma per la dotazione di nove aerei da ricognizione Nimrod sarà cancellato. – Gli effettivi della Royal Air Force saranno ridotti di 5.000 unità: la forza passerà a 33.000 uomini entro il 2015. – I jet Harrier saranno ritirati.


  • MARINA MILITARE – La Forza navale subirà un taglio di 5.000 unità e passerà a 30.000 effettivi entro il 2015. – Dovrebbero essere costruite due portaerei, la HMS Queen Elisabeth e la HMS Prince of Wales. Ma solo una sarebbe operativa. L’altra resterebbe in uno stato di “prontezza prolungata”. – La portaerei HMS Ark Royal sarà dismessa immediatamente, con quattro anni di anticipo rispetto al previsto (2014). – L’ammodernamento dei sottomarini nucleari, per una spesa totale di 20 miliardi di sterline, sarà rinviato almeno fino al 2016. – Il numero totale delle fregate e dei cacciatorpedinieri scenderà da 23 a 19 entro il 2020.


  • PERSONALE CIVILE – Il ministero della Difesa taglierà il suo staff civile di 25.000 unità entro i prossimi cinque anni. (Apcom)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.