Forniva notizie su vip, arrestato finanziere

de_magistris5Dati passati a giornalista di Panorama su Agnelli, Di Pietro ed altri. Roma, 18 ott  – Un militare della Guardia di finanzia in servizio a Pavia è stato posto agli arresti domiciliari per ordine della magistratura di Milano, per una seria di accessi abusivi a archivi informatici delle Fiamme Gialle. Il finanziere, secondo l’accusa, avrebbe fornito informazioni riservate a un giornalista su una serie di noti personaggi, tra cui: componenti della famiglia Agnelli, Antonio Di Pietro, Luigi De Magistris, il giudice Mesiano, Beppe Grillo, Marco Travaglio e la escort Patrizia D’Addario.

Informazioni riservate sarebbero state raccolte e fornite anche su Gioacchino Genchi, già consulente in vari procedimenti penali alcuni dei quali diretti dall’ex pm De Magistris. Gli arresti domiciliari, eseguiti da uomini delle Fiamme Gialle, fanno seguito al provvedimento emesso dal Gip presso il Tribunale di Milano. Secondo l’ipotesi investigativa, il militare arrestato, nel periodo gennaio 2008-ottobre 2009, ha eseguito, non per motivi di servizio, numerose interrogazioni a terminale. Successivamente, secondo l’accusa, avrebbe poi passato le informazioni riservate riguardanti nomi noti della politica e dello spettacolo in particolare al giornalista di Panorama, Giacomo Amadori. Il finanziere aveva accesso a informazioni contenute nell’anagrafe tributaria sui beni e sulle dichiarazioni dei redditi dei vip.

”L’accesso fraudolento da parte di un militare della Guardia di Finanza a banche dati contenenti informazioni sensibili sulla vita privata di personaggi pubblici è di per sè una notizia gravissima che ci preoccupa e che richiama alla memoria l’analogo grave episodio avvenuto ai danni del presidente Prodi”. Lo afferma Emanuele Fiano, responsabile Sicurezza del Pd. ”In più – conclude – la contestazione dei magistrati che questi dati sensibili siano stati consegnati nelle mani di un giornalista aggrava le nostre considerazioni. Attenderemo, ovviamente, il lavoro della magistratura prima di esprimere ulteriori giudizi in merito”. (Ansa)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.