Difesa: poche ore al lancio del satellite italiano Cosmo Skymed costato oltre un miliardo di euro

Cosmo-SkymedRoma, 28 ott – E’ previsto per domani alla base californiana di Vandenberg il lancio del satellite italiano Cosmo SkyMed, il quarto ed ultimo della costellazione di satelliti radar per l’osservazione della Terra che rappresenta il fiore all’occhiello del programma spaziale italiano. Il lancio è previsto alle 4,28 della notte fra il 29 e il 30 ottobre (ora italiana) dalla base dell’Aeronautica militare americana di Vandenberg, con un vettore Delta II della Boeing.

Una volta in orbita, il satellite lavorerà insieme agli altri tre della costellazione, realizzata grazie al ministero per l’Istruzione, Università e Ricerca con il finanziamento dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e del ministero della Difesa, per un costo complessivo di oltre un miliardo. Si tratta infatti di un sistema duale, utilizzato cioè sia a scopi civili sia a scopi di difesa. L’intera costellazione, compreso il sistema per la gestione dei dati, è stata progettata e costruita in Italia dalle aziende della Finmeccanica Thales Alenia Space, Telespazio e Selex Galileo.

A gestire l’acquisizione e la commercializzazione dei dati dei satelliti è la società e-Geos, costituita per il 20% dall’Asi e per l’80% dalla Telespazio. Quando anche quest’ultimo satellite sarà operativo, l’intero sistema aumenterà le sue capacità di acquisire immagini, passando dalle attuali 1.350 a 1.800 al giorno, riprese anche durante la notte e attraverso le nubi grazie al Radar ad apertura sintetica (Sar). (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.