Difesa: abbassare i limiti di altezza per i volontari, la Camera ne discute

corazzieriRoma, 12 feb. – Non solo corazzieri: anche i più bassini hanno il diritto di indossare la divisa. Per questo, è iniziata questa settimana alla Camera la discussione di una proposta di legge, a firma Pd, per abbassare i limiti d’altezza per le reclute.

Oggi per essere accettati nelle Forze armate vige un limite di 1 metro e 65 per gli uomini e di 1 metro e 61 per le donne.
Se dovesse passare la nuova normativa, saranno accolti anche i volontari fino a 1 metro e 50. Resterebbe invece il limite massimo di 1 metro e 95.

“Molti cittadini italiani fedeli alla Repubblica vorrebbero prestare il solenne giuramento di servire la propria patria, diritto che viene loro negato, in virtù delle barriere di accesso inerenti l’età e la statura”, si legge nella proposta di legge, prima firmataria Amalia Schirru. Eppure, si assicura, “la previsione del limite d’altezza di metri 1,50 non arreca alcun pregiudizio alla funzionalità dello strumento militare in termini di idoneità all’impiego del singolo”. Anzi. “L’esperienza dimostra che, soprattutto rispetto a determinate mansioni (si pensi alle operazioni all’interno dei carri armati o al paracadutismo da elicottero), sono molto più adatte persone di piccola statura, mentre si possono presentare rilevanti difficoltà per individui di statura troppo alta”, si spiega ancora.

Relatore del provvedimento in commissione Difesa è Salvatore Cicu, del Pdl, che nell’introdurre la proposta ha assicurato che ha “contenuto puntuale ma di grande significato”. Abbassando i limiti d’altezza, ha sottolineato in linea con i proponenti, si eliminerebbe “una grave discriminazione tra i ragazzi, specialmente in un momento storico come questo in cui l’arruolamento nelle Forze armate e nelle Forze dell’ordine rappresenta un valore aggiunto per la difesa della Patria stessa oltre che un importante sbocco occupazionale”.

Il testo ha incontrato “l’interesse” del governo, rappresentato in commissione dal sottosegretario Giuseppe Cossiga. Unico problema, prospettato da Cossiga, è che l’abbassamento dei limiti d’altezza potrebbe impedire ai volontari di usufruire delle riserve di posti nei concorsi per le forze di polizia, dove invece resterebbero in vigore le disposizioni attuali per i singoli corpi.
Nella forestale, per esempio, i limiti di altezza sono di 1 metro e 60 per le donne e 1 metro e 65 per gli uomini, mentre per essere accettati nel corpo dei vigili del fuoco sia uomini sia donne devono essere alti almeno 1 metro e 65.
Per risolvere la questione, Cicu ha proposto l’istituzione di un comitato ristretto. (AGI)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.