Codice dell’Ordinamento Militare. Governo comprime ulteriormente i diritti civili dei militari

larussa9In arrivo il regolamento bavaglio per i militari. Roma, 21 mag – Pochi avranno avuto la pazienza di leggere i 2.270 articoli del Codice dell’Ordinamento Militare edizione 2010, al cui interno, vi si trovano diverse innovazioni degli articoli che componevano le Norme di principio sulla disciplina militare (legge 382/78) ed il regolamento di disciplina militare derivante (D.P.R. 545/86).

Senza troppi giri di parole, il Governo di centro-destra così prodigo di complimenti nei confronti dei suoi militari, che si profonde in sperticati elogi e roboanti annunci, quel Governo che da oltre due anni non trova il tempo per rinnovare il contratto alle Forze armate e alle Forze di polizia, ha trovato il tempo, per mano dell’efficientissimo ministro La Russa, per comprimere ulteriormente quei pochi diritti civili che le leggi e le normative attribuivano a chi indossa una divisa, peraltro richiamandosi a precisi dettami costituzionali. Ma veniamo al dunque.

Libertà di pensiero e di espressione

Queste due fondamentali libertà costituzionali erano cristallizate dall’art. 9 della legge 382/78 che al comma 1 così recitava:

1. I militari possono liberamente pubblicare loro scritti, tenere pubbliche conferenze e comunque manifestare pubblicamente il proprio pensiero, salvo che si tratti di argomenti a carattere riservato di interesse militare o di servizio per i quali deve essere ottenuta l’autorizzazione.

In sostanza il militare era libero di dire o di scrivere qualunque cosa a patto che di non trattare argomenti a carattere riservato (di interesse militare o di servizio). Già la norma metteva in confusione più di qualcuno, sia chi doveva osservarla sia chi doveva farla osservare, perchè sovente veniva letta in maniera restrittiva, e cioè che non si potesse parlare in ogni caso di argomenti di servizio, a causa dell’enunciazione  cavillosa della norma. In realtà il Consiglio di Stato, dandone una lettura autentica, ha spiegato che la trattazione di argomenti per i quali deve essere ottenuta l’autorizzazione sono esclusivamente quelli a carattere riservato e che la norma non può ricomprendere tutti i fatti o le circostanze inerenti il servizio, specialmente quelli non riservati.

Con il nuovo Codice dell’Ordinamento Militare, l’intraprendente La Russa, ma più verosimilmente i legulei con le stellette, hanno innovato l’art.9 della 392/78 che adesso, rubricato nell’articolo 1472 recità così:

1. I militari possono liberamente pubblicare loro scritti, tenere pubbliche conferenze e comunque manifestare pubblicamente il proprio pensiero, salvo che si tratti di argomenti a carattere riservato di interesse militare, di servizio o collegati al servizio per i quali deve essere ottenuta l’autorizzazione.

Se dunque prima la norma era scritta in modo da far confondere chi la leggeva perchè vergata in un italiano contorto, adesso è chiarissima, e non solo viene vietata la trattazione di argomenti a carattere riservato di interesse militare, ma adesso anche quelli “di servizio o collegati al servizio“. In pratica il militare non potrà più parlare in pubblico (nè in privato) di fatti o circostanze già note e comunque non riservati.

Non c’è che dire: questo Governo vuole proprio un gran bene ai membri delle Forze Armate……

Il Codice dell’Ordinamento Militare, entrerà in vigore il 9 ottobre prossimo ed è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 106 del 8-5-2010  – Suppl. Ordinario n.84.ico_commenti Commenta

Decreto Legislativo 15 marzo 2010, n.66
“Codice dell’ordinamento militare”

Dall’art. 1 all’art. 299

Dall’art. 300 all’art. 655

Dall’art. 656 all’art. 1014

Dall’art. 1015 all’art. 1359

Dall’art. 1360 all’art. 1747

Dall’art. 1748 all’art. 2102

Dall’art. 2103 all’art. 2272

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.