Campania: ACIIEF ed Esercito, uniti per dare un futuro agli ex volontari

logo-esercitoNapoli, 20 gen – L’Esercito non abbandona chi ha prestato servizio, seppur per breve tempo e per farlo si avvale dei corsi di formazione Aciief. I professori dell’ente di formazione professionale della Campania autofinanziato insegneranno a ottanta giovani non assorbiti dalle Forze armate dopo le esperienze di volontariato (da due a nove anni). Gli ex militari avranno a disposizione due corsi di formazione destinati ad aiutarli a trovare un lavoro. Militari congedati senza demerito, dall’elevato spessore morale, fisicamente eccelsi e con esperienze di lavoro all’estero, conoscenza di lingue straniere e profili professionali specializzati, a cui l’Esercito vuole offrire una possibilità. «Lo scopo fondamentale dei corsi – spiega la dottoressa Dolores Cuomo, responsabile didattica Aciief – è la ricollocazione dei volontari nel mondo del lavoro. Non solo li prepariamo professionalmente, ma li portiamo a conseguire qualifiche spendibili nella vita civile. I nostri corsi hanno questo obiettivo, aiutare i giovani a trovare lavoro».

I partecipanti al corso, divisi in due gruppi di 40 persone, studieranno rispettivamente per qualificarsi come addetti ai servizi di controllo di attività di intrattenimento e spettacolo, i cosiddetti buttafuori, e installatori e manutentori di impianti fotovoltaici. Il corso per gli addetti alla sicurezza si articola in 120 ore in cui gli ex militari apprenderanno nozioni che vanno dalla comunicazione interpersonale al primo soccorso, senza tralasciare gli aspetti giuridici a cui vanno incontro. «Non parliamo di buttafuori “gorilla” – spiega Cuomo – ma di veri e propri esperti della prevenzione di situazioni che portino a violenza. Un mestiere in continua evoluzione che ogni giorno cerca nuove professionalità». Il corso per manutentori di impianti fotovoltaici, della durata di 200 ore, permetterà ai partecipanti di iscriversi presso l’Albo degli artigiani in Cciaa. Dopo una prima parte di lezioni dedicata alle energie rinnovabili, gli studenti impareranno a montare e manutenere gli impianti fotovoltaici, oltre ad avere nozioni di progettazione degli stessi. Spiega Pasquale De Simone, docente del corso: «Come richiesto dalla legge 28 del 2011 (c.d. legge Romani), per operare su impianti fotovoltaici c’è bisogno di particolari competenze riconosciute dalla qualifica che il nostro corso porta ad ottenere. Del resto, in questo campo anche un bullone fuori posto fa saltare un intero impianto; per questo, una formazione professionale è indispensabile». (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.