Caduti: Arcivescovo di Cagliari, le guerre sono frutto del peccato

monsignor-maniCagliari, 2 nov. – “Le guerre non le fanno i soldati, non le fanno i poveri, le fanno i potenti e sono frutto del peccato”. E’ stata incentrata sulla figura di Don Gnocchi, cappellano degli Alpini, beatificato la scorsa settimana nel Duomo di Milano, l’omelia di monsignor Giuseppe Mani, già ordinario militare, arcivescovo di Cagliari che stamattina, nel cimitero di San Michele, ha celebrato la messa in ricordo dei caduti in guerra.
Alla cerimonia hanno assistito il presidenti della Giunta e del Consiglio regionale Ugo Cappellacci e Claudia Lombardo, il sindaco di Cagliari Emilio Floris, il comandante del Comando militare autonomo della Sardegna, generale Sandro Santroni.
L’arcivescovo ha sottolineato l’importanza della “stupenda eredita'” di Don Gnocchi. “Da cappellano capiva che la guerra poteva essere in difesa dei diritti inalienabili dell’uomo”, ha sottolineato monsignor Mani. “L’immagine raccolta da Don Gnocchi rappresenta la morte di tanti soldati che forma rivoli di sangue che scendono a valle e si uniscono al sangue di Cristo. Anche noi ricordiamo la terra conquistata con sangue di tanti caduti, pensiamo al prezzo pagato e vogliamo ancora piu’ bene alla nostra patria. Questi caduti sono stati donati dal Padre a Gesu’, sono nelle braccia di Cristo, possiamo contemplarli nella gloria del cielo”.

Al termine della cerimonia religiosa, circondato da un picchetto interforze e accompagnato dalla banda della Brigata Sassari, monsignor Mani ha benedetto nove corone, ognuna delle quali omaggio delle autorita’ civili e militari presenti. Infine, c’e stata la deposizione delle corone nei campi dove sono sepolti i soldati tedeschi e inglesi.
Il console inglese Andrew Graham con l’addetto militare presso l’ambasciata britannica a Roma, colonnello Charlie Darrell hanno reso omaggio ai militari tedeschi. Lo stesso cerimoniale e’ stato ripetuto dal console tedesco in Sardegna, Alessandra Bruder, accompagnata dall’addetto militare della Germany Air Force. (AGI)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.