Armi: Italia prima al mondo per export non militare nel 2009

export-armiEsportate armi da fuoco civili per 250 milioni. Firenze, 14 gen – L’Italia è il primo esportatore al mondo di armi non militari nel quadriennio 2006-2009, ed il secondo esportatore di armi leggere civili e militari dietro gli Usa: lo afferma uno studio di Ires Toscana, secondo cui l’export italiano di armamenti ha registrato una crescita del 61% nel 2009. Nel 2009 il nostro paese ha esportato quasi 250 milioni di euro in armi da fuoco civili, e copre stabilmente una quota dal 15% al 20% del mercato mondiale: ”L’export effettivo di armi – ha spiegato Francesco Terreri, ricercatore – è raddoppiato in 10 anni. I destinatari maggiori sono paesi amici e alleati come la Gran Bretagna, gli Usa e la Germania, ma anche paesi del Medio oriente”.

Destinatari di armi italiane sono infatti anche Libia (6 milioni di dollari), Giordania (2 milioni), Egitto (2 milioni), Emirati Arabi Uniti (1,9 milioni) fino allo Yemen dove operano molti gruppi terroristici. ”Abbiamo scoperto – ha proseguito Terreri – che nell’ultimo decennio il 15% dell’export italiano era diretto verso paesi in guerra, e il 16% a paesi dove sono violati gravemente i diritti umani. E’ relativamente poco rispetto a prima della legge 185/90, ma è tanto perchè i paesi in conflitto o che violano i diritti umani per fortuna stanno diminuendo”. I ricercatori hanno sottolineato che, secondo l’ultimo rapporto ufficiale della Ue sull’export di armamenti, nel 2009 i paesi dell’Unione hanno incrementato le esportazioni del 20%. ”I paesi del sud del mondo – ha sottolineato Giorgio Beretta, ricercatore – assorbono oltre il 53% del totale”. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.