AFGHANISTAN, NASCE COMANDO TATTICO ISAF. ITALIA GUIDA DUE CELLULE

Roma, 10 set – In Afghanistan sta per nascere il comando Tattico di Isaf, la missione Nato nel Paese asiatico. La struttura, che dipendera’ direttamente dal generale Stanley McChrystal, numero uno della forza multinazionale e della missione Enduring Freedom , si occupera’ della gestione esclusiva dell’attivita’ operativa delle forze di Isaf. Cio’ per migliorare la qualita’ e l’efficacia delle manovre militari e per ridurre al minimo i rischi di danni collaterali. Il “Tattico” verra’ guidato da un generale di corpo d’armata statunitense e l’Italia e’ in lizza per due ruoli chiave nell’organismo. Il primo e’ quello di responsabile del nuovo comando delle forze speciali e il secondo e’ quello di comandante del “J35”. Si tratta di una nuova struttura, nata dalla fusione di due cellule, la J3 (operazioni) e la J5 (piani). Gli esperti della Nato hanno appurato che, soprattutto in uno scenario dinamico come quello afgano, il tempo che intercorre tra la preparazione di una manovra e la sua esecuzione e’ estremamente scarso. Di conseguenza, per migliorare i tempi e la qualita’ delle operazioni, e’ piu’ pratico fondere le due cellule in un’unica entita’ che sovrintenda tutte le fasi. Peraltro, i tempi per la costituzione del comando Tattico sono brevi. Tanto che la Initial operational capability (Ioc) della struttura e’ prevista per meta’ ottobre. (Velino)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.