Afghanistan: Mons. Pelvi, il sacrificio dei nostri militari rafforzi l’unità dell’Italia

alpini-basilicaRoma, 20 mag. – “Ricordiamo il servizio reso dai nostri figli e dai militari di altre nazioni resta un evento scritto per sempre nella storia della pace, un patrimonio che deve irrobustire la coscienza nazionale unitaria degli italiani”. Lo ha affermato monsignor Vincenzo Pelvi, ordinario militare per l’Italia, nell’omelia per i funerali di Massimiliano Ramadù e Luigi Pascazio morti in Afghanistan che ha inoltre aggiunto: ”Ignorare il pericolo terrorista non allontana la minaccia, ma la porta dritta al cuore delle nostre città”. ”Le condizioni di insicurezza delle altre nazioni – ha spiegato monsignor Pelvi – se non contenute e sradicate, possono ostacolare il progresso della famiglia umana. La rinuncia a pensare il mondo al di là del proprio interesse immediato, la sfiducia nell’azione umanitaria, la diffidenza verso ogni universalismo, tutto questo è la tomba dell’umanità”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.