Afghanistan: il comando di Herat agli alpini della Taurinense

alpini_kabulAbu Dhabi, 18 apr. – Partono gli alpini della brigata Taurinense, tornano a casa i fanti della brigata Sassari. La Taurinense, comandata dal generale di brigata Claudio Berto, completerà nelle prossime settimane il deployment dei propri reggimenti, per assumere il 20 aprile la guida – per sei mesi – del Regional Command West di Herat, il comando Nato responsabile per la regione occidentale dell’Afghanistan. Dal generale Berto dipenderanno oltre 6 mila militari provenienti da 11 nazioni dei quali 3.200 italiani, 1.500 spagnoli e un migliaio di statunitensi. Il prossimo comandante italiano è un veterano dell’Afghanistan dove guidò nel 2003 l’operazione “Nibbio” che vide il 9° reggimento alpini schierarsi a Khost, lungo il confine con il Pakistan, nell’ambito di Enduring Freedom. La Taurinense schiererà in Afghanistan tutti i suoi reparti: i tre reggimenti di fanteria alpina (il 2° di Cuneo agli ordini del colonnello Massimo Biagini, il 3° di Pinerolo comandato dal colonnello Giulio Lucia e il 9° dell’Aquila guidato dal colonnello Franco Federici), i genieri del 32° reggimento di stanza a Torino e guidati dal tenente colonnello Luca Bajata e anche il 1° reggimento artiglieria da montagna di Fossano comandato dal colonnello Emmanuele Aresu. Quest’ultimo reparto lascerà a casa i cannoni e verrà impiegato nel Provincial Reconstruction Team di Herat, che si occupa della ricostruzione civile di quella provincia.

A maggio cominceranno ad affluire in Afghanistan anche i rinforzi annunciati dall’Italia alla Nato e agli Usa. Si tratterà inizialmente di elicotteri da trasporto CH-47 e multiruolo AB-205 dell’esercito destinati soprattutto a operare a Farah, una delle aree più calde del settore Ovest insieme a Bala Murghab e Shindand. Per migliorare il controllo del territorio a Farah, provincia al confine con l’esplosiva Helmand, l’Italia invierà un quarto “battle group” da combattimento composto da bersaglieri e fanti meccanizzati equipaggiati con i cingolati Dardo già presenti in Afghanistan e i nuovi blindati Freccia al loro primo impiego in un teatro operativo. La Brigata Alpina “Taurinense” è una delle Grandi Unità specializzate per il combattimento in montagna, costituita come I Raggruppamento Alpino nel 1923 assunse la denominazione attuale nel 1934. Impiegata nel corso della seconda guerra mondiale alla fronte occidentale e quindi in Montenegro, dopo l’armistizio partecipò alla formazione della Divisione Italiana Partigiana “Garibaldi”. Di contro, la Brigata Sassari si avvia a concludere la sua missione. E’ appena rientrata alla caserma Monfenera di Cagliari la bandiera di guerra del 151mo reggimento, e nei prossimi giorni si completerà il dispiegamento dei militari sardi che, con un ponte aereo, torneranno a gruppi in Sardegna. L’ultimo “dono” lasciato alla popolazione della provincia di Herat è stato un orfanotrofio nel paese di Farah. Qui gli uomini del 152mo reggimento di stanza a Sassari hanno ristrutturato un vecchio edificio e lo hanno sistemato per accogliere gli orfani della guerra. Un gesto umanitario apprezzato dalla popolazione e dal governatore della provincia, Rohullah Amin che durante una breve cerimonia ha ringraziato il comandante del reggimento, colonnello Massimo Raccampo anche per lo stretto rapporto di collaborazione instauratosi in questi mesi con le forze Isaf. (AGI)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.