Afghanistan, Di Stanislao (IDV): pari dignità per i caduti al servizio della patria

distanislaoRoma, 11 mag – “I Caporal Maggiori Scelti Rosario Ponziano e Francesco Saverio Positano sono due esempi di come il sacrificio al prezzo della stessa vita in una delle Missioni internazionali più pericolose e controverse degli ultimi tempi venga considerato un “banale incidente” senza il minimo rispetto per chi adempie al proprio dovere al servizio della Patria.” Sono le parole del capogruppo IdV in Commissione Difesa Augusto Di Stanislao che torna a parlare di due casi di cui si è occupato fin da subito, ma sulle quali ancora oggi torna a chiedere chiarezza e risposte concrete. “Le tragiche vicende di Francesco e di Rosario meritano la stessa considerazione, lo stesso rispetto e lo stesso trattamento di tutti gli altri militari caduti durante un’attività operativa. Fin da subito e più volte ho interrogato per entrambi i casi il Ministro La Russa perché facesse chiarezza su quanto accaduto e su diversi lati oscuri e la risposta, dove arrivata, è stata quella di un “banale” incidente. Il risultato è che Rosario non è una vittima del dovere e Francesco che era un alpino non è stato neanche menzionato tra l’elenco dei caduti durante l’84/ma adunata nazionale. Ritengo inaccettabile e quanto meno ingiusto adottare un trattamento differenziato senza dare pari dignità a chiunque abbia sacrificato la vita svolgendo il proprio dovere.

Per questo in Commissione Difesa ho sollecitato presidente e componenti affinchè venga rivisto il decreto concernente i benefici previsti per le vittime del dovere.”

{nicedonate:http://www.grnet.it/donpay.gif||}

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.