Afghanistan: bomba contro soldati italiani, solo feriti lievi

militare_esplosioneRoma, 3 feb – Oggi alle 13.20 (le 09.50 in Italia) a sud di Herat in Afghanistan si è verificato un attacco contro un blindato Lince italiano che ha provocato il ferimento di cinque militari del nostro contingente: uno ha riportato un sospetto trauma cranico mentre per gli altri quattro si registrano solo leggere contusioni. L’esplosione è avvenuta a circa quattro chilometri dalla base operativa avanzata di Shindand, che ospita i militari della Task Force Center, su base Primo Reggimento Bersaglieri. I feriti sono stati subito trasferiti all’ospedale da campo della base mentre sul luogo dell’incidente è intervenuto immediatamente un team di artificieri esperti nel riconoscimento e nella bonifica di ordigni esplosivi, per stabilire la natura e l’origine dell’esplosione. La pattuglia rientrava da un’operazione di Key Leaders Engagement, l’attività di contatto con i principali esponenti dei villaggi e dei paesi delle diverse aree per raccogliere informazioni utili alle forze di sicurezza locali e ai militari Isaf. Secondo quanto ha riferito nell’Aula della Camera il ministro della Difesa Ignazio La Russa, “l’ordigno esploso era per fortuna di modesta entità” e i quattro italiani feriti solo lievemente “sono già tutti tornati in servizio”. Solidarietà ai militari vittime dell’attentato è stata espressa dal responsabile esteri del Pd Piero Fassino mentre il vice capogruppo dell’Italia dei valori alla Camera Fabio Evangelisti, oltre alla vicinanza ai nostri militari, ha sottolineato la necessità di “affrontare un dibattito serio e scrupoloso per rivedere la strategia militare su un territorio ormai martoriato da anni di conflitto”. (9Colonne) Notizia in continuo aggiornamento  
Il portavoce del contingente Colonnello Marco Mele
 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.