8 settembre, ricorrenza dell’armistizio. Napolitano: “Torno sui posti in cui uomini e donne, militari e civili, persero la vita per la libertà”

napolitano8-settembreRoma, 8 set – Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel giorno in cui si celebra la ricorrenza dell’8 settembre 1943, giorno dell’Armistizio, ha scoperto una targa presso il Parco della Resistenza di Roma in ricordo delle donne che tra l’8 e il 10 settembre hanno sacrificato la vita per la difesa della città. La targa è collocata in un’aiuola dove sono state piantate 55 rose ad alberello. Una bambina della scuola primaria statale Principe di Piemonte, Giulia Zeri, ha letto al presidente una poesia dedicata ”Alle donne che hanno amato la libertà”.

Poco prima il capo dello Stato, assieme al ministro della Difesa e ai rappresentanti delle Istituzioni locali, ha deposto una corona di alloro presso il monumento del Parco della Resistenza dedicato agli 87 mila militari caduti tra il 1943 e il 1945. Napolitano si è anche fermato a salutare le Associazioni dei Partigiani e dei Corpi militari che hanno combattuto la Seconda Guerra Mondiale.

L’8 settembre. Con un comunicato letto alla radio alle ore 19.42 il maresciallo Pietro Badoglio informa gli italiani dell’armistizio raggiunto con gli alleati il 3 settembre a Cassibile. In assenza di direttive, quel che resta dell’esercito italiano si sfalda. E’ l’inizio di una tragedia all’interno di una tragedia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.